italyit
Trasformare i bruchi in farfalle: SDG Engagement Equities

Trasformare i bruchi in farfalle: SDG Engagement Equities

10-05-2022 | Visione

La nuova strategia d’investimento di Robeco adotta un approccio innovativo agli SDG investendo in aziende in via di trasformazione.

  • Peter van der Werf
    Peter
    van der Werf
    Engagement Specialist

In breve

  • Global SDG Engagement Equities si focalizza sugli impatti generati dalle imprese
  • Una combinazione specifica di gestione attiva e azionariato attivo
  • La strategia si avvale dell’engagement per capovolgere il modello “best in class”

RobecoSAM Global SDG Engagement Equities fa leva su un engagement al 100% con le società partecipate per migliorare il contributo che queste possono dare a uno o più dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Lanciata nel settembre 2021 per UBS, è ora pubblicamente disponibile per altri investitori.

La strategia si differenzia notevolmente da altre, in quanto solo una gamma ristretta di titoli è idonea all'inclusione nel portafoglio, e alcuni di questi titoli sono laggard potenzialmente non considerabili da altre strategie. In tal modo, la strategia privilegia le aziende in via di trasformazione, che offrono cioè un potenziale di miglioramento in termini sia di contributo agli SDG che di rendimenti azionari.

A tale scopo, la strategia si focalizza sulle imprese che ottengono un punteggio compreso tra -1 e +1 secondo il Robeco SDG Framework, un quadro di riferimento proprietario che valuta le imprese su una scala da -3 (impatto altamente negativo sugli SDG) a +3 (impatto altamente positivo). Di norma le strategie incentrate sugli SDG si concentrano su quelle aziende già posizionate positivamente, limitandosi di solito a quelle con punteggi di +2 o +3.

Webinar su SDG Engagement Equities
Webinar su SDG Engagement Equities
Guardalo on demand

Un assetto esclusivo

Per sapere quali aziende offrono il potenziale migliore, la strategia ha tra i suoi gestori di portafoglio un esperto di engagement: un assetto esclusivo nell’ambito di Robeco. Due gestori esperti come Michiel Plakman e Daniela da Costa sono affiancati da Peter van der Werf, Senior Manager for Engagement, nel processo di selezione dei titoli.

“In linea di principio parliamo di aziende valide in termini di redditività degli investimenti e generazione di free cash flow, ma ancora in ritardo sul fronte della sostenibilità”, afferma Plakman, Head of Global Equity di Robeco. “Pertanto, SDG Engagement Equities applica una strategia di engagement esclusiva a ognuna delle società in portafoglio.”

“Siamo convinti che parlando con queste imprese, conducendo un engagement su temi di sostenibilità e collaborando realmente con loro, possiamo migliorare sensibilmente il contributo che tali aziende possono dare a uno o più degli SDG. E questa è davvero l’ambizione e l’idea alla base della strategia.”

Non proprio “best in class”

Questo approccio comporta un capovolgimento del tradizionale modello “best in class”. “Le imprese migliori hanno già capito cosa devono fare per contribuire al conseguimento degli SDG”, osserva Plakman. “C’è anche un gruppo di aziende che probabilmente non ci arriverà mai: quelle con punteggi di -2 o -3, che potremmo chiamare ‘worst in class’, le peggiori della classe”.

“Tra questi due gruppi, però, c’è una schiera di aziende con un buon potenziale, ed è proprio su di loro che ci concentriamo perché sono quelle che offrono le maggiori opportunità di miglioramento. Crediamo che focalizzandoci su questo gruppo ristretto di imprese possiamo massimizzare il nostro impatto in quanto asset manager.”

Ironicamente, una volta realizzato l’impatto desiderato, un’impresa esce dal novero degli investimenti idonei. “Una volta effettuata la mappatura degli investimenti sostenibili, è accaduto che alcune imprese fossero effettivamente promosse da +1 a +2, uscendo così dalla gamma di candidati ammissibili per il nostro portafoglio”, rileva Plakman.

Un’ampia diversificazione

La strategia d’investimento e di engagement si traduce in un portafoglio altamente concentrato di appena 25-35 titoli. La presenza di un portafoglio così ristretto – e altamente contrarian – non impone altri tipi di vincoli.

“Il bello del nostro approccio è che cerchiamo di esplorare tutti i diversi modi di contribuire agli SDG, e i 17 obiettivi sono estremamente diversificati”, dice Da Costa, portfolio manager del team Emerging Markets. “Di conseguenza, anche il portafoglio presenta un’ampia diversificazione.”

“La nostra è una strategia globale nella quale cerchiamo di individuare e di indirizzare le imprese con il miglior potenziale. In definitiva si tratta di attuare attività di engagement con imprese che a nostro parere presentano un valido potenziale di sostenibilità sul lungo periodo.”

“Il nostro è un approccio squisitamente bottom-up. Focalizzandoci in quest’ottica su specifiche idee, qualche volta accettiamo scostamenti dalla performance a breve termine, dato che perseguiamo un rendimento su tre anni.”

Investimenti incentrati sugli SDG

L’esperienza dimostra che alcuni dei 17 SDG sono più investibili di altri, data la portata limitata della strategia. Come si vede dal grafico in basso, il portafoglio investe il 31% del suo patrimonio in aziende che contribuiscono all’SDG 9 (imprese, innovazione e infrastrutture) e il 25% in aziende che puntano all’SDG 8 (lavoro dignitoso e crescita economica).

Per contro, è più difficile trovare società quotate che contribuiscano a questioni più ampie come l’istruzione, la povertà e la disuguaglianza, poiché queste aree tendono ad essere dominate da organizzazioni non profit, mentre le poche società quotate effettivamente investibili hanno già punteggi SDG elevati.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Figure 1: Portfolio holdings' SDG distribution

Note: This table represent the share of holdings with a positive impact on the SDGs following Robeco's SDG framework. Holdings can be linked to one or more SDGs
Source: RobecoSAM Impact data. Date as of 31-12-2021

“Una delle cose che abbiamo imparato negli ultimi sei mesi è che talvolta è davvero difficile trovare KPI che esprimano in modo significativo il contributo di un’impresa a specifici SDG, anche laddove questa è disposta a impegnarsi”, osserva Plakman.

“L’SDG 9, incentrato su crescita economica e infrastrutture, si presta più facilmente all’investimento, dato il gran numero di banche e società finanziarie su cui si può puntare. Anche l’innovazione è un ambito di investimento piuttosto agevole. È difficile invece trovare aziende con un legame diretto all’SDG 1 (sconfiggere la povertà), data la portata della strategia.”

“Analogamente, questioni come la vita sott’acqua (SDG 14) e la vita sulla terra (SDG 15) sono molto importanti per il pianeta, ma è arduo trovare candidati adatti al portafoglio. Un altro settore in cui è perennemente difficile investire è quello dell’istruzione (SDG 4). Ma noi continuiamo a cercare.”

Un enorme lavoro di squadra

Oltre alle credenziali di un approccio esclusivo, che coniuga la gestione attiva con l’azionariato attivo e che si focalizza su laggard che altre strategie ignorerebbero, la strategia coinvolge tutti i principali team di Robeco a un livello senza precedenti.

“È uno di quei casi di cooperazione su larga scala, che vede la partecipazione di tutti i principali team di Robeco”, rileva Plakman. “Questo è uno degli aspetti entusiasmanti della strategia: componiamo le tessere del puzzle facendo leva sul contributo di molti dipartimenti diversi.”

“In tal senso, si tratta di un approccio davvero esclusivo: il processo di SDG Engagement Equities mostra la complementarità dei principali punti di forza di Robeco a livello dell’intera azienda.”

Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto