italyit
“Riteniamo che le aziende che promuovono la parità di genere abbiano un vantaggio competitivo”

“Riteniamo che le aziende che promuovono la parità di genere abbiano un vantaggio competitivo”

22-12-2020 | Intervista
Investire in modo sostenibile è molto più che investire in veicoli che producono reddito in maniera rispettosa per l’ambiente. Junwei Hafner di Robeco spiega perché investire nella parità di genere non è un bene solo per la società, ma anche per i profitti, soprattutto in tempi di recessione economica.
  • Junwei Hafner-Cai
    Junwei
    Hafner-Cai
    Portfolio Manager

Cosa ha dato l’impulso alla fondazione della strategia Gender Equality?

Come pionieri dell'investimento sostenibile, ci occupiamo già da tempo della questione della parità di genere e della sua importanza per il successo aziendale. Valutiamo le aziende rispetto ad elementi sociali come questo e siamo sicuri che le imprese che riconoscono e promuovono la parità di genere abbiano un vantaggio competitivo. Queste aziende hanno accesso a un pool di talenti più ampio, possono fidelizzare i top performer in modo più efficace e beneficiare di una maggiore comprensione dei clienti e di una migliore comprensione delle opportunità di mercato. 

Con il sostegno della nostra ricerca, negli ultimi 10 anni il portafoglio di simulazione dei leader di genere ha sovraperformato quelli delle società “rimaste indietro” dell'1% all'anno e con una volatilità leggermente inferiore. Dal lancio della strategia di investimento “reale”, questa ha sovraperformato il benchmark e lo ha fatto con un solido information ratio. 

Scopri gli ultimi approfondimenti in tema di sostenibilità
Scopri gli ultimi approfondimenti in tema di sostenibilità
Abbonati

Il successo di questa strategia è noto. Quali sono i criteri con cui selezionate i vostri titoli?

Ci basiamo su un processo sistematico di selezione dei titoli, di tipo bottom-up, che coniuga ricerca esclusiva sulla parità di genere e analisi ESG e dei fondamentali. Il nostro approccio disciplinato si concentra sulla performance delle aziende in termini di parità di genere, sulla qualità del business e sulla valutazione. Non valutiamo la parità di genere solo in base alla percentuale di donne che coprono ruoli di rilievo nella dirigenza.

Il vostro approccio alla valutazione va più in profondità?

Adottiamo un approccio più olistico: prendiamo in considerazione la rappresentanza di genere a tutti i diversi livelli della forza lavoro, nonché altre metriche della diversità, quali l'etnia e la nazionalità, la fidelizzazione dei dipendenti, le pratiche di pari retribuzione e i programmi per il benessere dei dipendenti a sostegno dell'equilibrio tra vita familiare e vita di lavoro. Tutti questi fattori sono importanti per un ambiente di lavoro diversificato e inclusivo, in cui uomini e donne hanno le stesse prospettive di carriera e opportunità per sviluppare il proprio potenziale.

Avete una ricetta segreta per la gestione della strategia?

Per la gestione della nostra strategia, anche la proprietà attiva – l'esercizio attivo dei nostri diritti di azionisti – è fondamentale perché è un modo efficace per influire sul comportamento dell'azienda. Ci impegniamo insieme alle società presenti in portafoglio su questioni relative alla parità di genere al fine di migliorare le loro prestazioni.

Quale è stata la performance della strategia nell'ultimo quinquennio? Potete darci maggiori dettagli sulle sue dimensioni e sulle sue prestazioni?

Il fondo investe essenzialmente in società leader nel riconoscimento e nella promozione della parità di genere, che si distinguono anche per i loro interessanti fondamentali aziendali. L'obiettivo del fondo è generare rendimenti finanziari e sociali positivi per gli investitori. La strategia ha un solido track-record. Dal suo lancio nel 2015 fino alla fine di agosto 2020, il fondo ha sovraperformato l'MSCI World del 2,94% (in EUR, lordo). Durante lo stesso periodo, il patrimonio gestito del fondo è aumentato passando da 10 milioni di euro a oltre 178 milioni di euro.

Quale credete sarà l’evoluzione del tema della vostra strategia?

L'interesse degli investitori cresce man mano che il tema della parità di genere e le questioni sociali acquisiscono importanza. L'investimento orientato al genere sta guadagnando slancio e sta diventando una delle aree di investimento sostenibile che cresce con maggiore rapidità. Secondo un rapporto di Veris Wealth Partners, il valore delle attività sul mercato pubblico dei titoli è aumentato passando da 100 milioni di dollari nel 2014 a 3,4 miliardi di dollari alla fine di giugno 2019. Questo ci dimostra come gli investitori vogliono sempre più allineare il loro capitale di investimento agli obiettivi a impatto sociale, in particolare dopo aver visto che gli obiettivi a impatto sociale non danneggiano necessariamente i rendimenti.

Questa tendenza sta accelerando?

Gli investimenti nella parità di genere hanno un impatto sociale positivo e contribuiscono all'OSS 5 (“Parità di genere”) degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Tuttavia, i progressi sono ancora molto lenti quando si tratta di raggiungere la parità di genere. Secondo le stime del World Economic Forum, ci vorranno oltre 250 anni per raggiungere la parità economica di genere. Pertanto, l'argomento offre ancora un potenziale significativo non sfruttato.

Come è riuscita a superare la crisi la vostra strategia?

Qui dovremmo lasciare che a parlare siano le cifre. Dall'inizio dell'anno alla fine di luglio, il fondo (in EUR, classe B retail) ha sovraperformato il proprio benchmark (MSCI World ND) del 2,4% in termini netti, con un information ratio di 0,83. Ciò è dovuto a vari motivi: la diversità e l'uguaglianza sono fonte di vantaggi competitivi, innovazione e produttività all'interno delle aziende e queste caratteristiche si trasformano in resilienza aziendale. Durante una crisi, queste società tendono a resistere meglio alla recessione.

In che modo le aziende e i loro dipendenti si preparano al meglio alle crisi?

Una delle aree che valutiamo nell’ambito della parità è correlata, ad esempio, a modalità di lavoro flessibili e lavoro a distanza. Le aziende che sono meglio preparate e che hanno una cultura della diversità e dell'integrazione vivono una transizione graduale ai nuovi metodi di lavoro e tutelano la produttività, la sensazione di connessione e la salute fisica e mentale dei loro dipendenti.
Gli argomenti collegati a questo articolo sono:
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto