Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Confermo che sono un cliente professionale:
Rifiuto
Da sempre in primo piano nella gestione del credito
Obbligazionario Corporate

Da sempre in primo piano nella gestione del credito

Robeco ha una lunga tradizione nel settore del credito e investe in obbligazioni corporate dagli anni '70. Oggi vantiamo una vasta gamma di portafogli gestiti tramite analisi dei fondamentali, tutti basati su ricerche approfondite e su un approccio contrarian. Alla nostra clientela proponiamo inoltre diverse strategie di credito quantitative.

Riusciranno le banche centrali a guastare il clima positivo del mercato?
Riusciranno le banche centrali a guastare il clima positivo del mercato?
Nelle sue previsioni trimestrali, il team Global Fixed Income Macro prevede una graduale normalizzazione delle politiche delle banche centrali.
28-07-2017 | Previsioni trimestrali
Hunt for dollars keeps Chinese credit spreads down
Hunt for dollars keeps Chinese credit spreads down
Despite China’s growing corporate debt burden, Chinese credits are trading at unattractive levels.
21-07-2017 | Visione
Sei modi per migliorare la sostenibilità dei portafogli di credito
Sei modi per migliorare la sostenibilità dei portafogli di credito
Siamo convinti che l’analisi delle informazioni in materia di sostenibilità produca decisioni d’investimento più informate.
06-07-2017 | Visione

30 investitori contrarian

A partire dalle prime strategie di credito negli anni '90, per realizzare i nostri portafogli ci serviamo di approfondite ricerche dei fondamentali e, soprattutto, di uno stile di investimento contrarian. Il fatto di aver basato le nostre decisioni sulla ricerca senza farci condizionare dall'opinione pubblica o dal consensus del mercato è stato essenziale per consentirci di sovraperfromare nel tempo.

Uno dei presupposti della nostra filosofia di investimento nel credito è che per gli investitori in obbligazioni corporate vale il cosiddetto "effetto gregge", ovvero la tendenza a concentrarsi sulle stesse posizioni. Cerchiamo quindi di evitare investimenti sovraffollati, per ridurre il rischio di rimanere intrappolati in posizioni illiquide in caso di inversione delle preferenze dei mercati.

Oggi, infatti, la scarsa liquidità è una delle maggiori sfide che gli investitori devono affrontare. Il nostro stile di investimento contrarian può facilitare la gestione dell'illiquidità, consentendoci al tempo stesso di cogliere le opportunità esistenti. Quest’ultimo accresce il potenziale di rendimento corretto per il rischio acquistando dopo un'ondata di vendite ed eliminando il rischio associato a eventuali bolle.

Profondi conoscitori del credito
Scarica

Negli anni il nostro approccio contrarian si è rivelato essenziale anche per limitare le perdite dei portafogli incentrati sul credito. Per esempio, la strategia high yield ha registrato andamenti relativamente positivi durante le crisi del 2001, 2008 e 2015, sovraperformando sia il benchmark sia gli operatori del mercato che si erano assunti troppi rischi prima di questi bruschi rallentamenti. A questo proposito, la scelta di concentrarci sul lungo termine, evitare il rischio di ribasso e assumere posizioni contrarian si è rivelata vincente.

Le ultime ricerche sul credito
Ricerche in rassegna

Per avere successo, lo stile contrarian va associato ad approfondite capacità di ricerca che confermino le tesi di investimento da noi sviluppate. Il nostro team del credito è formato da 30 professionisti che, grazie alla profonda esperienza maturata sul campo nel corso di interi cicli di mercato, sanno sempre dove investire e cosa evitare. Ricorriamo inoltre a un modello di analisi specialistica che fornisce ai nostri analisti la possibilità e le risorse necessarie per acquisire ulteriori capacità di ricerca, esperienza settoriale globale e conoscenza degli

2 punti da ricordare

I mercati obbligazionari offrono buone possibilità di sovraperformance, ma per gestire con successo un portafoglio di obbligazioni corporate sono due gli aspetti da tenere a mente. Per prima cosa è essenziale assumere un livello adeguato di rischio al momento opportuno. In secondo luogo, per una buona gestione del credito non conta tanto selezionare i titoli corporate più performanti, quanto costruire un portafoglio ben diversificato che eviti i titoli perdenti.

La fase iniziale del processo quantifica l'esposizione ottimale da assumere sul mercato del credito in base alla nostra valutazione del ciclo di mercato. Comprendere lo scenario macroeconomico globale serve a definire le aspettative per le varie classi di obbligazioni corporate e, di conseguenza, ricorriamo a un'accurata analisi di tipo top-down dei mercati del credito che massimizzi i rendimenti ottenuti dai nostri clienti.

Una valutazione di tipo top-down è importante, ma è la selezione di tipo bottom-up degli emittenti il vero elemento a sostegno dei rendimenti. La selezione del credito inizia infatti con l'analisi delle società sotto il profilo di cinque variabili. I nostri analisti si basano su:

  • posizione dell'azienda
  • strategia aziendale
  • profilo finanziario
  • struttura aziendale
  • profilo ESG

Solo a questo punto i gestori scelgono le obbligazioni più interessanti da inserire in portafoglio.

Pionieri del credito da quasi 20 anni

Robeco è celebre per aver sempre adottato strategie e tecniche di investimento all'avanguardia. Dopo l'introduzione dell'avveniristica tecnica di gestione del rischio DTS (Duration Times Spread), il nostro esclusivo approccio al credito ci ha permesso di lanciare il primo fondo high yield in Europa, di rendere i criteri ESG parte integrante del processo di investimento e di sviluppare una serie di strategie quantitative basate sui fattori.

Pionieri dell'high-yield, Siamo stati rapidi nel cogliere il potenziale del credito high-yield. Nel lontano 1998, Robeco è stato il primo gestore a lanciare un fondo in obbligazioni high yield in Europa continentale di cui l'attuale responsabile, Sander Bus, ha sempre fatto parte. L'high yield ha guadagnato terreno tra gli investitori europei solo dalla metà degli anni 2000, ma da allora il patrimonio gestito da questo fondo globale è cresciuto sensibilmente, tanto da convincerci a lanciarne uno simile dedicato al credito high-yield europeo.

ESG
ESG
Environmental, social and corporate governance
Sustainability investing

Integrazione dei fattori ESG. Siamo leader anche in termini di integrazione dell'analisi dei fattori ESG al processo di investimento. Per noi l'ESG è fondamentale: chi investe nel credito, infatti, sa di dover soprattutto evitare i titoli perdenti, ovvero quelli di società che non riescono a rispettare gli obblighi assunti. E considerando i fattori ESG (per esempio la corporate governance), siamo in grado di cogliere i primi segnali di allarme che, invece, potrebbero sfuggire a un'analisi finanziaria tradizionale. Già nel 2010 abbiamo lanciato un fondo riservato al credito sostenibile, finalizzato a ridurre al minimo l'impronta ambientale e a massimizzare i rendimenti.

Gestione del rischio senza precedenti. Dovendo misurare il rischio effettivo dei nostri portafogli - storicamente una delle maggiori sfide per chi investe nel credito - nel 2004 abbiamo ideato un metodo innovativo per farlo, dopo aver osservato che moltiplicando lo spread di un'obbligazione per la sua duration (DTS) si riesce a predirne accuratamente la volatilità futura. Questa nostra tecnica, oggi largamente utilizzata, interviene in ogni fase della gestione dei portafogli Robeco e ha contribuito ampiamente ai nostri successi nel settore. DTS

A differenza dei tassi di interesse, gli spread si muovono in modo relativo: quelli più elevati sono infatti più volatili. Di conseguenza, il rischio di un'obbligazione va misurata moltiplicando spread e duration, ovvero calcolandone i punti di rischio, che costituiscono la base del nostro modello di rischio di credito.

Ci occupiamo anche di credito quantitativo. Oltre che a una gamma di prodotti del credito gestiti tramite analisi dei fondamentali, i nostri clienti hanno accesso a due strategie quantitative basate su diversi fattori: una che investe in obbligazioni corporate a basso rischio e una che sfrutta quattro fattori di comprovata efficacia. I benefici del factor investing sono ben noti tra gli investitori azionari, ma non tutti sono consapevoli del suo potenziale sui mercati obbligazionari corporate. Alcuni nostri studi mostrano come il factor investing funzioni bene per il credito e abbia i margini per produrre solide sovraperformance di lungo termine corrette per il rischio rispetto al mercato nel suo complesso.

Share this page