italyit
Urgenza: È il momento di affrontare il rischio climatico

Urgenza: È il momento di affrontare il rischio climatico

15-04-2021 | Visione
Il cambiamento climatico è la più grande sfida che l’umanità deve affrontare oggi. Gli scenari sviluppati dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) suggeriscono che per limitare il riscaldamento globale a meno di 1,5° C nei prossimi decenni, si deve raggiungere la neutralità carbonica mondiale entro il 2050 e la neutralità dei gas serra entro il 2070. Questa “urgenza” è uno dei cinque argomenti chiave del nostro hub climatico.

In breve

  • Abbiamo a disposizione meno di 30 anni per raggiungere la neutralità carbonica mondiale
  • Tutti gli stakeholders devono essere coinvolti, non solo i governi
  • Gli investitori possono assumere un ruolo chiave in questa transizione

Abbiamo meno di tre decenni per cambiare radicalmente il modo in cui produciamo, coltiviamo, mangiamo, viaggiamo, consumiamo e passiamo il tempo. In sintesi, il nostro intero stile di vita. I politici detengono il potere di attuare concrete misure in grado di contrastare il riscaldamento globale. Negli ultimi anni, i governi si sono accorti della necessità di affrontare il cambiamento climatico con urgenza.

Molti paesi si sono impegnati a diventare neutrali rispetto alle risorse di carbonio entro il 2050. Alcuni hanno creato piani più ambiziosi: Austria e Uruguay si sono impegnati a raggiungere tale obiettivo entro il 2040. La Cina, che ha la più grande impronta di carbonio al mondo, ha fissato un obiettivo a lungo termine per il 2060. Ma nonostante questi nobili impegni, siamo ancora lontani dal raggiungere la neutralità carbonica mondiale entro il 2050.

È necessaria un’azione più urgente. “Se usassimo il sistema a colori dei semafori, rosso, arancione e verde, direi che ora siamo sull’arancione, mentre un anno fa avrei detto sul rosso,” afferma Lucian Peppelenbos, Strategist in materia di cambiamento climatico di Robeco. Il passaggio all’arancione è dovuto principalmente a recenti impegni politici in Asia, tra cui in Cina, Giappone e Corea del Sud.

Un altro motivo di speranza quest’anno è la chiarezza di intenti degli Stati Uniti, dopo aver aderito nuovamente all'Accordo di Parigi. Considerato tutto ciò, i paesi responsabili del 63% delle emissioni globali dovrebbero essere in linea con l'ambizione di emissioni globali nette zero.

Investimento climatico: da emergenza a soluzione
Investimento climatico: da emergenza a soluzione
Per saperne di più

Tutti gli stakeholder devono agire

Se i leader politici hanno la maggior parte del potere decisionale in questo campo, ciò non significa che altri stakeholder debbano stare con le mani in mano e aspettare che i regolamenti cambino. Il compito di raggiungere la neutralità globale entro il 2050 è così imponente che tutti i contributi si riveleranno preziosi, ed è qui che le iniziative degli investitori entrano in gioco.

Negli ultimi due anni, il cambiamento climatico è diventato sempre più un’importante opportunità di investimento e si prevede che ciò continuerà. L’argomento è al centro, o è quantomeno significativo, delle politiche di investimento di quasi tre investitori su quattro. Ciò rappresenta un aumento enorme rispetto ad appena due anni fa, quando la percentuale era di appena un terzo degli investitori.1

Questo importante cambiamento dimostra come gli investitori siano pronti adesso ad accettare le ragioni alla base di un’azione globale coordinata, volta a fermare un aumento catastrofico del riscaldamento globale. Nonostante dipendano da altri pezzi del puzzle, gli investitori possono davvero giocare un ruolo vitale nel reindirizzare il capitale verso l'economia verde, circolare e a basse emissioni di carbonio, e quindi aiutare il mondo a passare dall'arancione al verde.

Per saperne di più sull'urgenza della lotta al cambiamento climatico, visita la sezione dedicata nel nostro hub di investimento climatico.

1Fonte: 2021 Robeco Global Climate Survey.

Questo articolo è tratto dalla nostra piattaforma per l’investimento climatico

Investimento climatico: da emergenza a soluzione
Gli argomenti collegati a questo articolo sono:
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto