italyit
Investimento Green: come la tassonomia dell’UE li definirà

Investimento Green: come la tassonomia dell’UE li definirà

31-03-2021 | Visione
Uno dei problemi con gli investimenti sostenibili è come definirli, dato che il termine viene interpretato in modi diversi. Cosa si può considerare davvero “verde”? L’Engagement Specialist Cristina Torres e la Senior SI Analyst Elina Hokkanen spiegano come la nuova Tassonomia dell’UE stabilirà per la prima volta il significato di sostenibilità.
  • Cristina Cedillo Torres
    Cristina
    Cedillo Torres
    Engagement Specialist
  • Elina  Hokkanen
    Elina
    Hokkanen
    Senior Analyst, SI Research

In breve

  • La Tassonomia dell’UE creerà definizioni armonizzate degli investimenti “verdi”
  • Le aziende e gli asset manager dovranno comunicare il loro allineamento alla Tassonomia
  • Due obiettivi ambientali su sei sviluppati finora

La Tassonomia dell’UE è un nuovo regolamento che costituisce il pilastro del Piano d’azione per la finanza sostenibile dell’Unione europea. Questo provvedimento mira a creare una definizione armonizzata delle attività che possono in effetti essere considerate “verdi”. La Tassonomia fornisce un linguaggio comune e criteri uniformi per identificare la misura in cui le attività economiche possono essere considerate ecosostenibili. 

In definitiva, il suo obiettivo è quello di indirizzare i flussi di capitale verso attività economiche a basse emissioni che contribuiscano a decarbonizzare l’economia. Con questo provvedimento nel suo arsenale, l’UE spera di raggiungere i suoi obiettivi climatici del 2030 e di azzerare in definitiva le emissioni nette di gas serra entro il 2050. 

La tassonomia definisce i criteri minimi che le attività economiche dovrebbero rispettare per essere considerate ecosostenibili. Queste attività dovrebbero contribuire in modo sostanziale a uno o più dei sei obiettivi ambientali indicati di seguito, senza danneggiare in modo significativo nessuno degli altri cinque. Tali obiettivi sono:

  • La mitigazione dei cambiamenti climatici
  • L’adattamento ai cambiamenti climatici
  • La protezione delle acque e delle risorse marine
  • La transizione verso un’economia circolare
  • La prevenzione dell’inquinamento
  • La protezione e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi. 

Inoltre, le attività dovrebbero essere svolte nel rispetto di alcune salvaguardie minime, vale a dire degli standard incorporati nelle linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali e i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, con specifico riferimento alle convenzioni fondamentali del lavoro dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

Finora sono state definite solo le attività che contribuiscono ai primi due obiettivi ambientali, ossia mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. Nel novembre 2020, la piattaforma della Commissione europea sulla finanza sostenibile ha pubblicato il progetto di Atto delegato ai sensi del Regolamento sulla tassonomia, contenente i criteri di vaglio (“screening”) tecnico per le 90 attività di mitigazione e le 98 attività di adattamento ai cambiamenti climatici. La Commissione europea sta ora lavorando sui criteri tecnici finali da adottare con un Atto delegato che integri il Regolamento sulla tassonomia. 

Le prime informative sugli obiettivi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici dovranno essere prodotte entro il 2022. Le attività che si ritiene contribuiranno ai restanti quattro obiettivi dovrebbero essere chiarite nel 2021, con l’informativa da rendere a partire dal 2023.

Investimento climatico: da emergenza a soluzione
Investimento climatico: da emergenza a soluzione
Per saperne di più

Obblighi di comunicazione

Le grandi società quotate costituite nell’UE sono tenute a comunicare quale porzione dei loro ricavi e delle loro spese è in linea con la Tassonomia. Gli investitori dovranno segnalare la percentuale delle masse in gestione dei loro fondi che rientra nelle attività allineate alla Tassonomia. Solo i fondi classificati come conformi all’articolo 8 o 9, vale a dire i fondi con caratteristiche ambientali o che perseguono un obiettivo di sostenibilità, rientrano nell’ambito di questa segnalazione. La Tassonomia non richiede che i prodotti finanziari raggiungano un livello minimo di allineamento.

Noi di Robeco crediamo che la Tassonomia avrà un impatto positivo sul mercato, poiché fornirà un linguaggio comune agli investitori istituzionali e retail, agli emittenti, ai responsabili politici e alle autorità di regolamentazione. Ciò favorirà la standardizzazione e aiuterà a superare il “greenwashing” (ambientalismo di facciata o “verniciatura verde”) nella finanza sostenibile. Inoltre, le informative sull’allineamento degli investimenti alla Tassonomia miglioreranno l’affidabilità delle informazioni, la comparabilità e la trasparenza sul livello di sostenibilità dichiarato di un investimento. 

La sfida dei dati

Per ciascuna delle attività economiche ammissibili, la Tassonomia fornisce criteri di vaglio tecnico dettagliati che devono essere rispettati per determinare se un’attività è allineata alla Tassonomia. L’enfasi posta a livello di attività è una novità per la maggior parte degli operatori di mercato. Mentre i tradizionali punteggi ESG delle aziende si concentrano sulla performance di una specifica azienda, la Tassonomia richiede un livello di granularità più approfondito per valutare le attività ammissibili che le aziende svolgono. 

Ad esempio, per accertare il grado di allineamento di un’azienda coinvolta nella generazione di elettricità da energia idroelettrica, biomassa ed energia eolica, l’allineamento alla Tassonomia richiederà di valutare ciascuna di queste attività a fronte dei rispettivi criteri di vaglio tecnico. Solo i ricavi o le spese attribuiti alle attività che soddisfano i criteri in questione saranno conteggiati nella percentuale totale dei ricavi e delle spese aziendali allineati alla Tassonomia. 

Rendicontazione dei ricavi e delle spese

Questa valutazione richiede dati che attualmente non sono resi noti dalle imprese. A nostro avviso la mancanza di dati costituisce il maggiore ostacolo a un’attuazione diffusa e coerente della Tassonomia. A partire dal 2022, le grandi società quotate europee dovranno comunicare i dati sui ricavi e sulle spese suddivisi secondo la classificazione della Tassonomia. Tuttavia, le imprese non europee non saranno legalmente obbligate a fornire tali informazioni, e le lacune nei dati di queste aziende perdureranno probabilmente a lungo. 

La Commissione europea sta considerando l’istituzione di una piattaforma di accesso digitale per tutta l’UE – il punto di accesso unico europeo (ESAP) – che metterebbe gratuitamente a disposizione del pubblico le informazioni finanziarie e non finanziarie delle aziende. Robeco considera l’ESAP una buona opportunità per reperire i dati mancanti sulla sostenibilità richiesti dalla Tassonomia e da altre normative esistenti e future, come il Regolamento relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari e la Direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.

Promuovere il mercato della finanza verde

C’è ancora molta strada da percorrere prima di poter parlare di un’efficace adozione della Tassonomia. Nel breve termine, tutti gli occhi sono puntati sul primo ciclo di informative previsto per il 2022. La ricerca preliminare indica che la maggior parte dei fondi probabilmente comunicherà bassi livelli di allineamento alla Tassonomia. 

Una ricerca commissionata dal ministero tedesco dell’Ambiente, della conservazione della natura e della sicurezza nucleare ha valutato l’allineamento delle imprese europee incluse negli indici STOXX 50, CAC 40 e DAX 30. Si è scoperto così che meno del 30% dei ricavi nell’ambito di questi indici proviene da attività coperte dalla Tassonomia, e meno del 2% soddisfa pienamente i criteri tecnici. 

Una volta che la tassonomia sarà completamente sviluppata, coprendo tutti e sei gli obiettivi ambientali, le attività economiche ritenute allineate dovrebbero a nostro avviso aumentare. Appena le aziende inizieranno a comunicare tutti i dati necessari, gli investitori saranno inoltre in grado di identificare meglio le attività ammissibili. 

Parte di un programma più ampio

La Tassonomia è solo il primo passo del più ampio Piano d’azione dell’UE per la finanza sostenibile ed è considerata un elemento cruciale per ulteriori azioni. Essa costituisce la base dell’Ecoetichetta dell’UE per i fondi retail che è ancora in fase di sviluppo. 

Nel 2020 il Gruppo tecnico di esperti di finanza sostenibile ha pubblicato il suo rapporto finale su uno standard europeo dei green bond, che ha fornito raccomandazioni per l’istituzione di un sistema di certificazione volontario volto ad assicurare che l’uso dei proventi sia pienamente allineato alla Tassonomia. Nel secondo trimestre 2021, la Commissione europea ha in programma di presentare una proposta legislativa per l’adozione di tale standard. 

Le istituzioni finanziarie e le imprese europee si trovano all’inizio di un processo mirato a standardizzare e formalizzare i dati ESG tra gli operatori di mercato. Siamo tuttavia ottimisti sui benefici che la Tassonomia e le altre misure del Piano d’azione per la finanza sostenibile possono generare nel lungo termine. Al di là delle questioni di conformità, la Tassonomia aiuterà gli investitori a identificare le opportunità offerte dalla transizione energetica e a raggiungere gli obiettivi d’investimento sostenibile. 

Piano d’azione per la finanza sostenibile
Piano d’azione per la finanza sostenibile
Vai alla descrizione
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto