italyit
Fintech in America Latina: prosperare in un contesto in rapido cambiamento

Fintech in America Latina: prosperare in un contesto in rapido cambiamento

06-10-2020 | Visione

La tecnologia finanziaria (“fintech”) sta esercitando effetti dirompenti sui servizi finanziari in tutto il mondo. Tuttavia, per trovare le opportunità d’investimento più interessanti in quest’ambito, è meglio allontanarsi dai sentieri già percorsi. Da questo punto di vista, i paesi dell’America Latina si distinguono come mercati particolarmente interessanti. In questa regione il fintech non si limita a sovvertire l’attività dei fornitori di servizi esistenti, ma è responsabile di un salto tecnologico (“leapfrogging”) e di una maggiore inclusione finanziaria.

  • Michiel  van Voorst
    Michiel
    van Voorst
    Fund Manager Equities
  • Bryan   Satterly
    Bryan
    Satterly
    Investment Manager Trends Investing

In breve

  • L’America Latina ha una popolazione di nuovi utenti di Internet vasta e crescente 
  • L’ecosistema fintech dell’area geografica fa registrare una rapida crescita, in particolare in Brasile
  • La crisi del Covid-19 è stata più un catalizzatore, che un spinta per il trend.

La digitalizzazione dei servizi finanziari sta trasformando la vita quotidiana delle persone in tutto il mondo. Tuttavia, il suo impatto è particolarmente significativo nei paesi emergenti, dove decine di milioni di nuovi utenti si connettono a Internet ogni anno, alimentando la domanda di strumenti e servizi di finanza digitale più veloci ed efficienti. La Cina e l’India, ad esempio, hanno sviluppato vivaci reti fintech locali, che sono tra i primi al mondo in termini di sofisticazione tecnologica e di crescita costante della base di utenti.

Tuttavia, questi due paesi dalle enormi popolazioni sono solo una parte della vicenda. L’America Latina si distingue anche come una delle regioni più promettenti al mondo per fintech, non solo per i colossi tecnologici diversificati che si avventurano nel settore, come Facebook, Google o Apple, ma anche per una miriade di operatori locali di nicchia e non.

L’area geografica ospita una popolazione di circa 450 milioni di utenti di telefonia mobile, che dovrebbe raggiungere i 484 milioni entro il 2025. Di questi 450 milioni di utenti, quasi l’80% accede a Internet tramite il proprio telefono, e questa percentuale dovrebbe salire all’87% entro il 2025.1  Eppure, nonostante ciò che viene suggerito da tali previsioni, i mercati della maggior parte di questi paesi sono ancora scarsamente penetrati in termini relativi.

Il Brasile, il paese di gran lunga più popoloso dell’America Latina, ha ad esempio un tasso di penetrazione di Internet prossimo al 70%, a fronte dell’87% circa dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti.2  Nel complesso, le cifre attuali rappresentano un numero di utenti sufficiente affinché le aziende fintech possano affermarsi in questi paesi e prosperare.

Tuttavia, rappresentano anche un enorme potenziale di crescita futura, dato che milioni di giovani utenti di Internet nel mondo si uniranno ai loro omologhi connessi in America Latina. In ultima analisi, il miglioramento delle infrastrutture di telecomunicazione e l’aumento degli accessi a Internet favoriranno un balzo della crescita di fintech nell’intera area.

Anziché passare gradualmente da monete e banconote a bancomat e assegni, e quindi alle carte di credito e ai pagamenti elettronici nell’arco di diversi decenni, i nuovi utenti di Internet passeranno direttamente dal contante ai portafogli digitali, poiché molti di loro otterranno uno smartphone ancor prima di aprire un conto in banca.

Questo transizione radicale dalla moneta fisica ai pagamenti digitali è un buon esempio di “leapfrogging”, un processo che permette agli utenti di saltare i tipici passi compiuti nei mercati sviluppati e di compiere progressi esponenziali lungo l’arco tecnologico. Le trasformazioni possono procedere più velocemente, poiché molti di questi paesi non hanno una tecnologia esistente che deve essere abbandonata.

L’America Latina si distingue come una delle regioni più promettenti al mondo per fintech, non solo per i colossi tecnologici diversificati che si avventurano nel settore

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Non solo il Brasile

La storia della crescita di fintech in America Latina non è circoscritta al solo Brasile. Anche molti altri paesi della regione, come Messico, Colombia e Argentina, hanno una popolazione numerosa e in rapida crescita di nuovi utenti di Internet che aspirano a servizi finanziari più rapidi ed efficienti. Questi mercati hanno ora raggiunto una trazione sufficiente a far emergere e prosperare nuovi ecosistemi fintech e tecnologici locali.

Figura 1 - Panoramica del settore fintech in America Latina (numero di imprese)

Fonte: KoreFusion, “2020 LATAM Fintech Report”, estate 2020

Dai progetti di crowdfunding nel settore agroalimentare, ai software avanzati di rendicontazione e compliance finanziaria, alle rimesse nazionali e internazionali, il potenziale campo di gioco per le imprese latinoamericane fintech è molto ampio. Ciò si traduce in innumerevoli opportunità di business per gli operatori in grado di coglierle.

Nel corso degli anni, centinaia di aziende fintech latinoamericane sono riuscite a raggiungere una scala sufficiente per iniziare a generare ricavi significativi. Ciò significa che sono in grado di raccogliere capitale di rischio o, in alcuni casi, persino di quotarsi sul mercato. Attualmente in Brasile esistono più di una mezza dozzina di società fintech “pure play” locali quotate in borsa.

La recente popolarità delle imprese fintech latinoamericane è chiaramente visibile nei flussi di venture capital”

La recente popolarità delle imprese fintech latinoamericane è visibile anche nei flussi di venture capital. Gli investimenti di venture capital nella regione sono raddoppiati ogni anno dal 2016, raggiungendo nel 2019 il livello di 4,6 miliardi di dollari, di cui 2,5 miliardi di dollari investiti in Brasile. Nel corso di questo periodo, fintech è stato il settore di gran lunga più ambito, richiamando il 31% di tutti i capitali di rischio investiti in America Latina nel 2019.3

Prospettive brillanti nonostante il Covid-19

La crisi del Covid-19 ha messo in alcuni casi il settore sotto pressione, riducendo la domanda di diversi servizi fintech e smorzando l’entusiasmo degli investitori. Tuttavia, è probabile che la pandemia generi anche importanti fattori d’impulso per il settore nel lungo periodo. Le prospettive per il settore fintech latinoamericano si confermano brillanti e diverse aziende operanti nella regione presentano un potenziale di crescita significativo.

1Fonte: GSMA, 2019, “The mobile economy – Latin America”.
2International Telecommunication Union (ITU), The World Bank, dati al 2018.
3Fonte: LAVCA, Associazione per l’investimento di capitali privati in America Latina, maggio 2020, “LAVCA’s Annual Review of Tech Investment in Latin America”.
Gli argomenti collegati a questo articolo sono:
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto