italyit
Speciale SI: la perdita di biodiversità è una minaccia maggiore del cambiamento climatico

Speciale SI: la perdita di biodiversità è una minaccia maggiore del cambiamento climatico

24-09-2020 | SI Opener
La biodiversità rappresenta la conoscenza appresa dalle specie in evoluzione nel corso di milioni di anni. Riflette la capacità di animali e piante di sopravvivere alle condizioni ambientali estremamente variabili che la Terra ha sperimentato. Comprende la vita in tutte le sue forme, dai geni a interi ecosistemi. Da milioni di anni le interazioni tra questi diversi elementi assicurano che il nostro pianeta sia abitabile. Eppure la biodiversità sta diminuendo più velocemente di qualsiasi altro momento della storia umana: l’attuale tasso di estinzione è da decine a centinaia di volte superiore alla media degli ultimi 10 milioni di anni.
  • Masja Zandbergen - Albers
    Masja
    Zandbergen - Albers
    Head of sustainability Integration
  • Peter van der Werf
    Peter
    van der Werf
    Engagement Specialist

In breve

  • La perdita di biodiversità ha superato un limite planetario, ponendo un rischio elevato  
  • Le società finanziarie devono verificare se sono parte del problema 
  • Gli investitori sono invitati a firmare il Finance for Biodiversity Pledge promosso dalle Nazioni Unite

Per questo motivo, gli scienziati avvertono che ci troviamo nel mezzo della “sesta estinzione di massa”. La ricerca condotta dallo Stockholm Resilience Centre analizza le minacce a quelli che il Centro definisce “limiti planetari”. Si tratta di nove processi attraverso i quali gli esseri umani possono “regolare la stabilità e la resilienza del sistema Terra”. All’interno di questi limiti, il pianeta può continuare a prosperare e a soddisfare i bisogni dell’umanità. 

La Figura 1 mostra lo stato della Terra secondo questa ricerca. Come si può vedere, l’integrità della biosfera misurata dal tasso di estinzione (estinzioni per milione di specie/anno (E/MSY)) è esposta a un rischio elevato e ha già superato il limite dell’incertezza. Dato che anche i flussi biogeochimici (azoto e fosforo) hanno superato i limiti, non sappiamo quale sarà la reazione degli ecosistemi. 

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Figura 1 | Minacce all’integrità della biosfera

Fonte: Stockholm University 1
Secondo questa ricerca, questi due problemi creano incertezze ancora maggiori del cambiamento climatico. Tuttavia, la lotta al riscaldamento globale rimane molto importante, poiché si colloca in cima alla lista delle cause dirette della perdita di biodiversità e aggrava in misura sempre maggiore l’impatto negativo di altri fattori, come il cambiamento di destinazione d’uso del suolo, sulla natura.

Qual è il ruolo del settore finanziario?

Una ricerca condotta da De Nederlandsche Bank (DNB) e da PBL Netherlands Environmental Assessment Agency ha individuato “81 miliardi di euro di prestiti forniti da istituzioni finanziarie olandesi a settori ad alta emissione di azoto, e un’esposizione di 28 miliardi di euro ad aziende che operano in regioni protette o ad alto valore di conservazione (HCV) e che si confrontano con potenziali rischi di costi irrecuperabili.2  

Questo è un esempio dell’interconnessione tra le istituzioni finanziarie olandesi e internazionali, da un lato, e i settori a elevati livelli di emissioni che minacciano la biodiversità, dall’altro. Da una parte, ciò conferma il loro ruolo negativo nel raggiungimento dei limiti planetari dell’incertezza. Dall’altra, mette in luce i rischi che questi soggetti corrono se la legislazione o il comportamento dei consumatori su questo fronte dovessero cambiare.  

In aggiunta, la perdita di biodiversità rappresenta un rischio sistemico, di cui gli investitori dovrebbero essere consapevoli. Giunti alle porte della sesta estinzione di massa, sia le imprese che le autorità di regolamentazione hanno un ruolo enorme da svolgere nel modificare i paradigmi che stabiliscono chi deve pagare per le esternalità create dal normale svolgimento dell’attività.  

I pionieri dell’ESG lavorano insieme su questo tema

Molti investitori si concentrano attualmente sul cambiamento climatico e sullo sviluppo di indicatori per misurare, gestire e monitorare i rischi e le opportunità climatiche nei loro portafogli. Tuttavia, dato il crescente volume di prove riguardo alle notevoli ricadute che proverranno dalla perdita di biodiversità a livello globale, riteniamo che si dovrebbe fare uno sforzo maggiore per misurare l’impatto dei portafogli sulla biodiversità.  

Nei Paesi Bassi, diversi investitori sotto la guida di ASN Bank stanno collaborando allo sviluppo di tali indicatori tramite la Partnership for Biodiversity Accounting Financials (PBAF). Il loro obiettivo è quello di creare un quadro di riferimento per le istituzioni finanziarie che permetta di considerare e affrontare l’impatto sulla biodiversità dei portafogli investiti in diverse asset class.  

Inoltre, all’inizio di quest’anno Robeco ha avviato un tema di engagement sulla biodiversità. Uno dei principali fattori che contribuiscono alla perdita di biodiversità è il cambiamento di destinazione d’uso del suolo, che è dovuto in gran parte alla produzione di commodity agricole. Pertanto, il nostro engagement si concentrerà sull’impatto sulla biodiversità che deriva dalla deforestazione legata a cinque prodotti agricoli ad alto rischio: cacao, gomma naturale, soia, carne di manzo, legname e pasta di legno tropicali.  

Il nostro engagement è incentrato su cinque punti. I primi tre obiettivi di engagement riguardano la gestione ambientale, con l’attribuzione di un chiaro valore agli impegni di “deforestazione zero”, alle valutazioni d’impatto sulla biodiversità, al ripristino e alla conservazione della fauna e della flora, e ai principi dell’economia circolare nell’ambito delle linee di produzione delle aziende. Riteniamo che si tratti di aspetti molto rilevanti, soprattutto per le cinque materie prime agricole che rientrano nell’ambito di questo programma di engagement.  

Il quarto obiettivo riguarderà le informative, le certificazioni e la tracciabilità. Il quinto si concentrerà sull’aspetto sociale della produzione di queste commodity, e affronterà sia i diritti della comunità sia quelli terrieri, insieme ai diritti dei lavoratori. Vogliamo puntare a raggiungere una tracciabilità del 100% per i produttori e gli utenti di queste catene di produzione. Solo allora sarà possibile misurare l’impatto sulla biodiversità nell’ambito delle filiere produttive.  

Invito all’azione: partecipa al Biodiversity Pledge

Il 25 settembre, in occasione della 75a Assemblea Generale delle Nazioni Unite, durante il Nature for Life Hub, sarà lanciato il Finance for Biodiversity Pledge. Le organizzazioni che hanno sottoscritto il documento si sono impegnate a proteggere e ripristinare la biodiversità attraverso le loro attività finanziarie e i loro investimenti.  

In qualità di firmatario, Robeco rivolge ad altri investitori un deciso “invito all’azione” per indurli a partecipare. In tal modo, possono assicurarsi di non essere parte di un problema che sta già mettendo alla prova la capacità della Terra di farvi fronte. 

Firmando il Biodiversity Pledge, le istituzioni finanziarie si impegnano a collaborare e a condividere le conoscenze, a coinvolgere le aziende in programmi di engagement, a effettuare valutazioni di impatto, a fissare obiettivi e a riferire pubblicamente sui progressi compiuti. Ciò comporta una tabella di marcia della durata di diversi anni, che richiederà impegno e risorse da parte di quanti più investitori possibile. Ulteriori informazioni sul Biodiversity Pledge sono disponibili sul sito: https://www.financeforbiodiversity.org

Uniti ce la faremo!

1https://stockholmuniversity.app.box.com/s/avnyhh4xzshxb19j82hn5mf3hxyuvqj0
2https://chainreactionresearch.com/the-chain-financial-institutions-face-growing-pressure-to-quantify-and-mitigate-material-risk-exposure-related-to-biodiversity-loss/

SI Opener
SI Opener
Vedere per credere.
Leggi tutti gli articoli
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto