italyit
Ricordi da una piccola isola – Come il carbone è stato deposto in Gran Bretagna

Ricordi da una piccola isola – Come il carbone è stato deposto in Gran Bretagna

15-07-2020 | Statistiche straordinarie

La nazione che ha dato al mondo il carbone per uso industriale è diventata la prima economia industrializzata a farne a meno per un periodo di tempo prolungato.

  • Chris Berkouwer
    Chris
    Berkouwer
    Equity Analyst

In breve

  • Dal 9 di aprile il carbone non viene più bruciato per produrre energia elettrica nel Regno Unito
  • Le energie rinnovabili sono destinate a superare per la prima volta i combustibili fossili
  • La decarbonizzazione potrebbe addirittura accelerare una volta superata l’emergenza coronavirus

Che cosa è accaduto?

Utilizzato per la prima volta dai Romani per riscaldare gli ipocausti, e ampiamente commercializzato a partire dal 13º secolo, il carbone britannico ha alimentato la rivoluzione industriale del 18º secolo, da cui è nato il mondo moderno. I cieli erano talmente plumbei a causa dello smog provocato dal carbone, come ben illustrano da espressioni evocative dell’epoca quali ‘oscuri mulini satanici’ e ‘zuppa di piselli’, da portare all’introduzione della prima normativa mondiale a favore dell’ambiente, ossia il Clean Air Act del 1956. 

Ora, nessun tipo di carbone viene bruciato per generare energia nel Regno Unito da quando le ultime quattro centrali elettriche a carbone rimanenti sono state disconnesse dalla rete il 9 aprile scorso. L'attuale periodo senza carbone ha battuto il record precedente di 18 giorni, stabilito nel giugno 2019. La pandemia da coronavirus è stata in parte responsabile, poiché il lock-down ha portato ad una richiesta di energia nettamente inferiore da parte di aziende o negozi costretti a rimanere chiusi.

Si tratta di una svolta significativa per una nazione che, un tempo, dipendeva a tal punto dal carbone che lo sciopero dei minatori degli anni settanta mise l’intero paese in ginocchio. ‘King Coal’ (ossia il re Carbone) rappresentava il 40% di tutta la produzione energetica del Regno Unito appena 10 anni fa.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Perché è importante?

Adesso, invece, il paese sta diventando una sorta di superpotenza dell’energia rinnovabile, dato che possiede il più grande parco eolico offshore del mondo. La gigantesca centrale elettrica di Drax nello Yorkshire, che un tempo utilizzava il carbone per generare 3.900 megawatt di elettricità, ovvero il 6% del totale del Regno Unito, è stata riconvertita al funzionamento con pellet di legno importati da foreste sostenibili negli Stati Uniti.

Tutto ciò significa che l’energia generata da fonti rinnovabili è sulla buona strada per superare quella da combustibili fossili per la prima volta in assoluto quest’anno. Le energie rinnovabili, in primis l’energia idroelettrica scozzese, rappresentano il 37% dell’elettricità prodotta nell’anno in corso, rispetto al 35% dei combustibili fossili, capeggiati dal gas naturale offshore. Il nucleare rappresenta il 18%.

Il passaggio dai combustibili fossili alle energie rinnovabili è di importanza vitale nella transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio, di modo che i vari Paesi del mondo, Regno Unito compreso, possano rispettare gli impegni assunti nell'accordo di Parigi. Tale accordo mira a limitare il riscaldamento globale a 2 gradi Celsius al di sopra dei livelli registrati prima della rivoluzione industriale, resa possibile dal carbone britannico.

Quali implicazioni per gli investitori?

“La progressiva scomparsa del carbone nel Regno Unito, che di recente ha avuto un'ulteriore accelerazione, ci ricorda con forza che i combustibili fossili saranno presto una reliquia del passato”, afferma Chris Berkouwer, gestore di portafoglio della strategia Robeco Sustainable Global Equities.

“Fortunatamente, gli ‘investimenti verdi’ sono al centro di molti piani di ripresa post-pandemia, in particolare nell’UE, e ciò contribuirà sicuramente a migliorare le tecnologie necessarie per decarbonizzare il mondo, quali ad esempio l'idrogeno pulito, la ristrutturazione in chiave ecologica degli edifici e l'ulteriore impiego di fonti rinnovabili”.

“Il tema della decarbonizzazione va considerato su un orizzonte di decenni e offre molte angolazioni con cui giocare. I nostri modi preferiti per farlo sono i raffinatori di biocarburanti, le aziende di gas industriali che producono idrogeno e i facilitatori delle energie rinnovabili”. 

Statistiche straordinarie
Statistiche straordinarie

Ogni mese esaminiamo statistiche straordinarie che riguardano il mondo della sostenibilità. Cosa significano? Quali sono gli effetti per gli investitori?

Leggi tutti gli articoli
Gli argomenti collegati a questo articolo sono:
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto