italyit
La Cina e la Fed sono per il momento alleate

La Cina e la Fed sono per il momento alleate

30-04-2019 | Visione

È probabile che i dati rimangano irregolari e i mercati vulnerabili, almeno fino a quando gravi rischi come una Brexit senza accordo e un fallimento dei negoziati commerciali USA-Cina non saranno superati, afferma Fred Belak, responsabile del team Global Fixed Income Macro di Robeco.

In breve

  • Le condizioni finanziarie a livello globale sono migliorate
  • La Cina si conferma la locomotiva di tutti i cicli economici globali
  • La crescita della produttività statunitense ha ripreso ad aumentare

“I ribassisti sono tornati a farsi sentire, ma è il momento di ignorarli e di approfittare della brusca flessione dei rendimenti obbligazionari globali per sottopesare i titoli di Stato tradizionalmente considerati beni rifugio, mantenendo al contempo una modesta sovraesposizione al rischio per i prossimi 12 mesi. Utilizzando il nostro quadro macro, secondo il quale la Cina detta il ritmo della crescita mondiale e gli Stati Uniti determinano la liquidità globale, riteniamo che il prossimo trimestre offrirà una valida opportunità per assumere una posizione contrarian a fronte dell’inversione di rotta del rallentamento globale”, sostiene Belak.

“Nel nostro procedente aggiornamento trimestrale avevano affermato che il ciclo era giunto a una fase avanzata ma non conclusiva, poiché l’inflazione non era ancora elevata. Adesso la Fed ha ammesso pubblicamente gli errori compiuti alla fine del 2018 e ha optato per un orientamento molto più accomodante.”

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Figura 1 | La Fed ha reagito rapidamente all’inasprimento delle condizioni finanziarie

Fonte: Robeco. Goldman Sachs, Bloomberg, Robeco

L’avvio di un dibattito pubblico sulla possibilità di consentire all’inflazione effettiva di superare temporaneamente il 2% all’apice di questo ciclo per mantenere ancorate le aspettative di inflazione segnala un significativo cambiamento di rotta della politica monetaria che estenderà l’attuale ciclo con benefici immediati per gli investitori. Presto o tardi i ribassisti avranno riconosciute le loro ragioni, poiché l’inflazione costringerà infine la Fed ad attuare una decisa stretta monetaria provocando una recessione, ma questo probabilmente non accadrà prima del 2020. 

“Nel corso della nostra recente riunione trimestrale, uno dei nostri ospiti ha affermato in modo persuasivo che ‘la Cina è stata la locomotiva di tutti i cicli economici seguiti alla grande crisi finanziaria’. In effetti, da allora il 70% della crescita del credito globale è scaturito dalla Cina. Il collaterale di questa espansione del credito è giunto in prevalenza dal mercato immobiliare cinese.” Con la Cina avviata verso la fine di 30 anni di rapida urbanizzazione che hanno dato impulso agli investimenti immobiliari, uno dei principali rischi per i mercati globali rimane quello di una flessione del mercato residenziale cinese. 

L’altra grande preoccupazione ricorrente dei mercati riguarda gli elevatissimi livelli di debito globale, che hanno continuato ad aumentare successivamente alla grande crisi finanziaria, frenando di fatto la crescita economica a causa degli ingenti oneri di servizio del debito. Siamo d’accordo con questa argomentazione e la consideriamo un rischio importante nel lungo periodo.

Inserire i propri dettagli per leggere l’articolo intero sull’outlook trimestrale

Disclaimer:

La relazione non è consultabile da utenti di paesi in cui l'offerta di servizi finanziari esteri non è consentita, quali i soggetti statunitensi.

I dati forniti non verranno comunicati a terzi. Le informazioni sono destinate esclusivamente agli investitori professionisti. Tutte le richieste pervenute saranno verificate.

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto