italyit
Rischi sovrastimati per l’azionario europeo

Rischi sovrastimati per l’azionario europeo

08-03-2019 | Previsioni mensili
L’azionario europeo potrebbe diventare più attraente, dato che si prospettano risultati positivi per i rischi percepiti, afferma il Chief Economist Léon Cornelissen.
  • Léon  Cornelissen
    Léon
    Cornelissen
    Chief Economist

In breve

  • L’azionario europeo si è costantemente deprezzato rispetto ai titoli USA
  • I rischi comprendono la guerra commerciale USA-Cina, la Brexit e il populismo
  • Sono tutti rischi sovrastimati, a fronte di una fiducia crescente e di maggiori stimoli

Una serie di avvenimenti, dalle scaramucce commerciali USA-Cina che influenzano la crescita europea alla Brexit, dal populismo ai bassi livelli del fiume Reno, hanno tutti portato a mantenere l’azionario europeo sottovalutato rispetto agli USA.

Tuttavia, le prospettive sono più rosee di quanto credano gli operatori di mercato, specialmente in considerazione dei recenti dati positivi sulla fiducia dei consumatori e della probabilità di stimoli fiscali, in particolare in Germania, afferma Cornelissen.

“L’azionario europeo si è costantemente deprezzato nei confronti di quello USA su base relativa dal 2009, e un motivo spesso citato è il fatto che i rischi politici in Europa sono relativamente alti," sostiene Cornelissen nelle previsioni mensile di Robeco Investment Solutions. “Riteniamo che questi rischi siano sopravvalutati e limitati, nonostante tutta la retorica che li accompagna, e che i titoli europei siano relativamente attraenti".

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

La minaccia dei dazi

“L'economia europea è vittima indiretta della guerra commerciale USA-Cina. I dazi e le minacce reciproche sono stati un fattore determinante nel rallentamento dell'economia cinese, e le esportazioni europee - tra cui quelle delle autovetture tedesche - ne hanno risentito".

“Anche fattori una tantum, tuttavia, hanno pesato sulla produzione industriale tedesca. L’industria automobilistica ha avuto difficoltà ad adeguarsi alle nuove normative UE più stringenti in materia di emissioni, mentre i livelli eccezionalmente bassi del Reno hanno gravemente ostacolato la consegna di componenti industriali primari e intermedi e portato a restrizioni nel prelievo dell’acqua del fiume da parte delle aziende. Ma tutti questi fattori avranno natura temporanea: le spedizioni di auto tedesche, per esempio, hanno fatto osservare un forte aumento a dicembre".

“In Francia il movimento populista sta mostrando segni di indebolimento. La fiducia dei consumatori francesi è in forte crescita rispetto a inizio anno (si veda il grafico che segue), di pari passo con un aumento della popolarità del presidente Macron, che è umilmente sceso dall’Eliseo per avviare un dialogo fattivo con le province. L'ondata di protesta dei "gilet gialli' sembra essere in fase calante".

Fonte: Thomson Reuters Datastream
Gli indici di fiducia dei consumatori francesi hanno fatto segnare un incremento di recente.

Tregua commerciale quasi certa

Nel frattempo, una tregua commerciale tra Stati Uniti e Cina - che hanno reciprocamente minacciato l’imposizione di tariffe su miliardi di dollari di merci - è adesso quasi certa, ritiene Cornelissen. “Le autorità cinesi, sebbene si pieghino alla realtà accettando obiettivi di crescita leggermente inferiori, pari a 6,0-6,5%, continueranno a intensificare gli stimoli fiscali e monetari"..

“Il fattore che più ha determinato la tregua, a nostro parere, è stata la reazione sfavorevole dei mercati azionari alle tensioni in corso. Per questo motivo, riteniamo che sia improbabile che il presidente americano alimenti ulteriormente le tensioni con l'Europa, ad esempio imponendo dazi sulle automobili europee con la scusa di pericoli per la sicurezza nazionale, anche se Trump ha recentemente innalzato le tariffe per India e Turchia, revocando per ambedue lo status commerciale preferenziale".

La saga Brexit continua

Vi è poi la questione che ha dominato le pagine dei giornali di recente: l’addio doloroso e ancora incerto del Regno Unito all'Unione europea, previsto per il 29 marzo. “Nel momento in cui scriviamo, non è ancora chiaro se e come la saga Brexit avrà fine", dice Cornelissen.

“Ma le probabilità di una Brexit senza accordo (c.d. “no deal”) sono scese notevolmente. Il Parlamento britannico ha obbligato il governo a cercare di ottenere una proroga alla data di scadenza i del 29 marzo nel caso in cui l'accordo di uscita dalla UE non riuscirà ad ottenere la maggioranza alla Camera dei Comuni. In sostanza, sono ora disponibili due opzioni: un ritardo (eventualmente seguito da un nuovo referendum, con i sondaggi che adesso indicano una maggioranza a favore del “Remain”) o l’accettazione da parte del Parlamento dell'accordo di uscita dall’Unione".

“La costante incertezza sulla Brexit sta cominciando a ripercuotersi sull'economia del Regno Unito, ma le cose dovrebbero assestarsi una volta chiaro che una “hard Brexit” sarà evitata in qualsiasi scenario."

Il populismo italiano si indebolisce

Un altro membro problematico dell’Unione è stato l'Italia. “La tregua tra la Commissione europea e il governo populista sul deficit dell’Italia ha portato a una stabilizzazione del premio al rischio dei titoli italiani nei confronti di quelli tedeschi. È improbabile però che tale tregua sia duratura, adesso che l'economia italiana è scivolata in una fase di recessione tecnica".

“Ma la Lega, attualmente partner di minoranza del governo italiano, si è enormemente rafforzata nei sondaggi a scapito del Movimento Cinque Stelle, notoriamente anti-euro. Considerate le sue profonde radici nel nord produttivo dell’Italia, è improbabile che la Lega adotti politiche che provochino una crisi del debito".

“Dato che si prevede che la Lega faccia bene alle prossime elezioni europee, essa potrebbe imporre nuove elezioni nazionali dopo maggio, per rafforzare il suo potere all’interno dell'esecutivo. I mercati hanno comprensibilmente mostrato segni di disagio dopo la formazione del governo populista, ma adesso sembrano essersi calmati".

Nuovi stimoli all’orizzonte

Infine, le due principali banche centrali del mondo, la Federal Reserve americana e la Banca centrale europea (BCE), hanno progressivamente adottato un atteggiamento più accomodante. Il 7 marzo, la BCE ha annunciato una nuova operazione mirata di rifinanziamento a due anni (cosiddetto “TLTRO”), in parte anche per consentire un “rollover” di quella in corso. La BCE ha inoltre modificato la guidance, escludendo qualsiasi rialzo dei tassi nel corso dell’anno.

“Alcuni stimoli fiscali sono già in cantiere per l'economia tedesca, in misura pari allo 0,3-0,4% del PIL", dice Cornelissen. “Il probabile successore della cancelliera Angela Merkel, Annegret Kramp-Karrenbauer, sta valutando l'idea di tagli fiscali per rilanciare l'economia tedesca. La crescita dei salari sta anch’essa accelerando come conseguenza di condizioni “tese” del mercato del lavoro, il che fa ben sperare per i consumi interni."

“Tutto considerato, riteniamo che gli investitori siano troppo pessimisti per quanto riguarda l'Europa. Sebbene alcuni problemi debbano ancora essere risolti, ci attendiamo un rimbalzo delle economie europee nella seconda metà del 2019".

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto