italyit
Celebriamo il quinto anniversario di Robeco Global Growth Trends

Celebriamo il quinto anniversario di Robeco Global Growth Trends

19-12-2018 | Visione

Si dice “The trend is your friend”. Cinque anni fa Robeco ha lanciato la strategia Global Growth Trends Equities. Alla vigilia di questo anniversario abbiamo parlato con Henk Grootveld e Marco van Lent a proposito del passato, del presente e del futuro del trends investing.

  • Henk Grootveld
    Henk
    Grootveld
    Head of the Trends Investing Equity team and Portfolio Manager
  • Marco van Lent
    Marco
    van Lent
    Senior Portfolio Manager Equities

Qual è stata la motivazione per il lancio del fondo nel 2013? Nello specifico, che cosa volevate offrire agli investitori che non potesse essere già ottenuto attraverso i fondi esistenti?

“Potenti trend di crescita stanno plasmando il futuro del nostro pianeta, sotto la spinta di forze quali il cambiamento demografico e l’innovazione tecnologica. Cogliere questi trend può essere estremamente remunerativo nel lungo periodo. Avevamo già dei team consolidati che gestivano fondi di trends investing specializzati in aree specifiche, come i nuovi mercati finanziari mondiali, i trend dei consumi globali, smart energy e lo stile di vita sano. Ci è parso quindi logico lanciare la strategia Global Growth Trends Equities per consentire agli investitori di accedere alle nostre migliori idee in tutte queste aree: la strategia fornisce una nuova soluzione attiva multi-trend indicata per gli investitori che desiderano beneficiare di temi globali di lungo periodo in diversi settori produttivi e segmenti di mercato.”

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Con un approccio globale che copre tutti i settori, come avete categorizzato i temi e i trend generali di cui il fondo mira a trarre vantaggio?

“Abbiamo individuato quattro temi o trend. Il tema ‘digital world’ copre settori in forte crescita come l’e-commerce, i pagamenti digitali e l’intrattenimento online. Questo trend ha registrato un’enorme espansione negli ultimi cinque anni, con la crescita di fintech e i servizi mobili di e-commerce che offrono opportunità in settori come i pagamenti, i social media e la condivisione.”

“Il tema ‘classe media emergente’ si concentra sulla rapida ascesa delle ‘nuove classi medie’ di tutto il mondo e sul loro potere d’acquisto in Asia e in America Latina, investendo sia in beni di lusso globali che in marchi locali. Il tema ‘Getting old & staying healthy’ investe in imprese che forniscono servizi a una popolazione senescente, come fornitori di cure sanitarie specializzate ma accessibili e società di servizi finanziari che offrono prodotti previdenziali.”

“Infine, il tema ‘Industrial renaissance’ riguarda i trend della quarta rivoluzione industriale, in cui innovazioni come l’intelligenza artificiale e la robotica stanno cambiando il nostro modo di vivere e lavorare e l’automazione sta abbattendo i costi e consentendo una produzione locale più intelligente e personalizzata. Con il passaggio al cloud computing e i rischi e le opportunità associati alla diffusione dell’Internet of Things, la sicurezza informatica è un’importante area di crescita all’interno di questo trend.”

Nel corso di questi cinque anni, quali sono stati i trend più remunerativi che avete colto?

“Il nostro trend ‘digital world’ si è rivelato particolarmente vantaggioso per il fondo. Gli investimenti in pagamenti digitali e piattaforme pubblicitarie mirate hanno dato buoni frutti. ‘Getting old & staying healthy’ è stato un altro tema importante nel quale la preferenza accordata ai test genetici e alle aziende di apparecchiature ottiche e laboratori di precisione ha prodotto ottimi risultati. I principali vincitori del nostro trend ‘industrial renaissance’ sono tutte imprese specializzate in automazione industriale – sensori e sistemi di imagini – e software di progettazione 3D.”

“Il trend della ‘classe media emergente’ ha beneficiato della crescita dei servizi finanziari e dell’intrattenimento online in Asia. Naturalmente, non tutti i titoli da noi selezionati hanno evidenziato un andamento soddisfacente: abbiamo avuto qualche problema con le banche orientate all’Asia, che hanno risentito di prestiti deteriorati e problemi di compliance, ma, nel complesso, la nostra selezione titoli ha generato valide performance.”

Qual è il grado di interconnessione e sovrapposizione tra i vostri trend?

“I singoli titoli in cui investiamo sono sostenuti da forti tendenze demografiche o tecnologiche e sono per la maggior parte destinati a beneficiare di una combinazione di questi trend a lungo termine. I trend che individuiamo hanno carattere dinamico e la convergenza di due o più di essi può essere particolarmente influente. Si pensi ad esempio al Giappone, un paese ricco che ha una popolazione di anziani percentualmente più elevata rispetto a qualsiasi altra nazione.”

“Oltre alle opportunità che vediamo nell’area ‘getting old & staying healthy’ – comprese le cure sanitarie specialistiche, le assicurazioni e i servizi di wealth management – la scarsità di giovani lavoratori e della manodopera immigrata a basso costo induce le aziende a fare crescente affidamento sulla robotica. Ciò dà impulso anche al nostro trend ‘industrial renaissance’.”

“Questo tema è visibile anche in altri paesi. Ad esempio, una conseguenza a lungo termine della politica del figlio unico in Cina è il graduale sviluppo di una situazione simile nella forza lavoro, che alimenta l’esigenza top-down di forti investimenti nell’automazione e nella robotica per sostenere la crescita.”

L’individuazione di trend strutturali può offrire agli investitori opportunità interessanti. Ma quali sono a vostro avviso i principali rischi del trends investing?

“La selezione di singoli titoli in grado di sfruttare i suddetti trend comporta rischi legati alle valutazioni. Man mano un trend diventa più visibile per gli investitori alla ricerca di una crescita strutturale, le valutazioni delle singole aziende possono diventare eccessivamente elevate. Per noi la valutazione è un indicatore del rischio: una valutazione contenuta di per sé non è un valido motivo per acquistare un titolo, ma una valutazione elevata di solito è una buona ragione per non comprarlo o diventa un motivo per venderlo se già lo deteniamo.”

“Un altro rischio riguarda la possibile evoluzione del quadro normativo. Ad esempio, in qualche modo le aziende dei social media sono diventate vittime del loro stesso successo; a fronte della crescente quantità di dati personali immessi dagli utenti su queste piattaforme, sono aumentate le richieste di una legislazione che disciplini il modo in cui queste imprese utilizzano e condividono i dati, in particolare dopo che sono stati utilizzati per scopi politici.”

“In Cina, la navigazione online e il mobile gaming sono così popolari che le autorità hanno imposto limiti al tempo che i giocatori possono dedicare a queste attività, nel tentativo di affrontare la dipendenza dal gioco. La politica e la regolamentazione possono inoltre combinarsi tra loro in modo inaspettato, come accaduto con la campagna anticorruzione del presidente Xi, che ha colpito la crescita esponenziale del mercato dei beni di lusso in Cina. Ma, dopo una temporanea battuta d’arresto, il trend di crescita sottostante è ripreso grazie all’aumento della spesa discrezionale della classe media emergente.”

Quali temi e trend considerate particolarmente entusiasmanti al momento?

“Siamo consapevoli che, malgrado l’invecchiamento demografico, le limitate risorse disponibili costringeranno i paesi a mantenere i propri sistemi sanitari ampiamente accessibili. Un’area che presenta un enorme potenziale in relazione al nostro tema ‘getting old & staying healthy’ è la sovrapposizione tra l’intelligenza artificiale, che non è ancora impiegata in modo efficiente nella sanità, e i test del DNA.”

“Di conseguenza, investiamo in aziende specializzate nell’analisi di dati sugli studi medici e sull’efficacia sui pazienti. Per quanto riguarda il tema ‘prevenire è meglio che curare’, i test del DNA stanno guadagnando terreno, con l’Islanda che è diventato il primo paese a prendere un profilo completo del DNA di ogni neonato. L’uso dei database di DNA permette di identificare i soggetti a maggior rischio di particolari malattie; l’attenzione può quindi concentrarsi sulla prevenzione o sul trattamento precoce.”

“Siamo stati uno dei primi investitori nella chirurgia robotizzata e vediamo ancora un enorme potenziale di crescita futura in quest’area. Inizialmente le apparecchiature erano considerate troppo costose, ma da allora è stato dimostrato che la chirurgia mini-invasiva riduce i costi migliorando la precisione chirurgica e accorciando i tempi di recupero del paziente. Le procedure si stanno diffondendo al di là delle operazioni urologiche e cardiologiche e potrebbero presto includere le biopsie polmonari, e la domanda di attrezzature per le operazioni chirurgiche assistite da robot sviluppate negli Stati Uniti registra ora una crescita anche in paesi come la Cina e il Giappone.”

Il fondo ha messo a segno un’ottima performance dal lancio. Quanto siete fiduciosi di poter continuare a produrre buoni rendimenti a lungo termine per gli investitori?

“Nei cinque anni fino alla fine di novembre 2018 il fondo ha guadagnato il 10,71% all’anno, al netto dei costi, a fronte del rialzo del 9,90% dell’indice di riferimento; pertanto la performance relativa è stata molto soddisfacente. Partendo da una prospettiva top-down basata sui trend, ricerchiamo società in crescita che forniscano gli strumenti per la nuova era della digitalizzazione e della tecnologia, in quanto riteniamo che queste imprese continueranno a generare ricavi e cash flow consistenti.” “Anche se nell’attuale contesto di rialzo dei tassi d’interesse globali e di riduzione del QE i margini di profitto sul mercato in generale sono sottoposti a una certa pressione, siamo convinti che, investendo in imprese capaci di sfruttare i potenti trend globali, possiamo continuare a conseguire ottime performance per i nostri investitori nel lungo periodo.”

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto