Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Confermo che sono un cliente professionale:
Rifiuto
New year fireworks, but we stick to our risk-on positioning

New year fireworks, but we stick to our risk-on positioning

14-01-2016 | Visione

We can be relatively short with respect to our look-back assessment of 2015: disappointing. No, the US economy did not accelerate; no, the emerging economies did not rebound; and no, we did not get a good return on most assets. Oil continued to suffer, which put a drag on US credit markets and raised doubts about the strength of the world economy as a whole, depressing equity markets.

  • Lukas Daalder
    Lukas
    Daalder
    Chief Investment Officer

Sure, there were positives out there as well – the exceptions to the rule. The Eurozone did not collapse, with the economy actually doing better than expected. Real estate managed to yield a solid return, or at least those whose values are calculated in euros without using a hedge, that is.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

2015 was generally speaking a disappointing year

2016 opens with a bang

Good riddance. Or not? 2016 started with a bang, with Chinese stocks down by almost 12% for the year. This might sound pretty bad if this was a report written in February, but we have only had four trading days in the year, indicating that it has been a horrific start to 2016. As we saw last August, international stock markets reacted negatively to the sell-off, surrendering all of 2015’s gains in the first trading day, with further losses added during the week. Are we worried? Sure: every time markets correct in an aggressive fashion, you should be worried. However, China stock markets live a life of their own and offer poor longer-term guidance for financial markets overall. With the US service industry and labor market strong, we stick to our risk-on positioning for now.

Multi-asset performance over the past six months: nothing but winners

Gli argomenti collegati a questo articolo sono: