Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Confermo che sono un cliente professionale:
Rifiuto
Low-volatility investing: a long-term perspective

Low-volatility investing: a long-term perspective

16-01-2012 | Ricerca

Over the long-run, risk and return within equity markets are not related. Selecting stocks with a higher risk, does not automatically lead to a higher return. This empirical finding contradicts investment theory, which states that higher risk should give a higher expected return.

  • Pim  van Vliet, PhD
    Pim
    van Vliet, PhD
    Managing Director, Head of Conservative Equities - Pim van Vliet

The figure below shows the average compounded return of portfolios sorted on historical volatility and beta for the 80-year period from 1931-2009.1 It shows that high-risk stocks are especially unattractive, based both on the return, which is lower, and on risk, which is higher. On the other hand, low-volatility portfolios are especially attractive because they increase the return per unit of risk. The return/risk ratio over the period is 0.68 for the lowest volatility portfolio and steadily decreases to 0.15 for the highest-volatility portfolio.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Based on these empirical results one should avoid the most volatile stocks. For investors with an absolute return focus, for example, investors aiming to maximize the Sharpe ratio, the stocks with the lowest volatility should be selected. Still, it is interesting to investigate how stable these results are over time. Eighty years is a very long time period and much longer than the investment horizon of most investors. If we zoom-in on the eight different decades comprising the period from 1931-2009, has the relation between risk and return always been negative?

Gli argomenti collegati a questo articolo sono: