italyit
L’impatto del Covid-19 sui trend: un piede sul freno o sull’acceleratore?

L’impatto del Covid-19 sui trend: un piede sul freno o sull’acceleratore?

13-05-2020 | Visione
La risposta politica globale senza precedenti all’epidemia Covid-19 ci ha condotti in un territorio inesplorato per quanto riguarda le ricadute socio-economiche future. Navigare nei mercati è quindi più arduo che mai per gli investitori. Se, da un lato, gli effetti a breve termine sono già visibili, dall’altro è meno chiaro se tali effetti persisteranno nel medio e lungo termine.
  • Steef  Bergakker
    Steef
    Bergakker
    Senior Portfolio Manager

In breve

  • La portata e l’intensità della crisi provocata dal Covid-19 solleva ovviamente dei timori
  • La pandemia non farà deragliare o arrestare i trend in cui investiamo
  • La crisi potrà accelerare l'impatto di tendenze quali la digitalizzazione

Il team di Trends investing di Robeco segue tre mega-trend che plasmeranno il futuro: Tecnologie rivoluzionarie, Cambiamenti socio-demografici e Preservare la terra. Ognuno di essi contiene tre sotto-trend, che spaziano dal potere di spesa della classe media nei mercati emergenti alle maggiori regolamentazioni imposte in tutto il mondo. Essi prendono il via dalle modifiche tecnologiche, demografiche e di policy che hanno plasmato il mondo fin dagli albori di Internet, dall’ascesa dei mercati emergenti, e dalla realizzazione che il riscaldamento globale rappresenta una grave minaccia per l'umanità.

Le tendenze a lungo termine non dovrebbero essere influenzate negativamente dal coronavirus in quanto, in linea di principio, una tendenza non è suscettibile a shock a breve termine o sporadici quali epidemie o disastri naturali. Tuttavia, la portata e l'intensità della crisi innescata dalla pandemia da Covid-19 sollevano ovviamente delle preoccupazioni. Inoltre, le misure adottate per contenere la diffusione del coronavirus oltre la prima ondata di contagi potrebbero comportare una modifica delle nostre aspettative a lungo termine, a causa della ricadute economiche ad esse legate.

In questo articolo, illustreremo il probabile impatto della crisi derivante dal Covid-19, e le sue conseguenze economiche, su tutti i mega-trend e i sotto-trend in cui investono le nostre cinque strategie. Complessivamente, riteniamo che la pandemia di Covid-19, e la recessione globale ad essa conseguente, non faranno deragliare o arrestare le tendenze che danno corpo alle nostre strategie di investimento.

Al contrario: la crisi potrebbe addirittura accelerare l'impatto di alcune di esse - in particolare l'utilità della digitalizzazione in un mondo in lockdown - piuttosto che mettervi un freno. In effetti riteniamo che, mentre la crisi derivante dal coronavirus avrà chiaramente effetti recessivi nel breve termine, gli investimenti tematici hanno ancora il vento in poppa. Ciò in quanto la crisi da Covid-19 ha portato a:

  • Un ruolo più prominente dei governi negli affari economici e sociali, con conseguente maggior regolamentazione dei comportamenti aziendali e sociali. Ciò si traduce in una maggiore socializzazione di parti dell'economia, e in una maggiore attenzione a un approccio di tipo collettivo, rispetto alla soddisfazione di desideri individuali. Tutto ciò porta vantaggi alle aziende che si concentrano sul tema “Preservare la terra”.
  • Misure di stimolo di dimensioni imponenti, visto che le banche centrali hanno deciso di adottare livelli senza precedenti di quantitative easing fino a quando le economie non inizieranno a recuperare. Anche se tali misure sono volte a proteggere le parti più vulnerabili dell'economia, contribuiranno comunque a mantenere i tassi di interesse bassi più a lungo. Ciò porterà vantaggi alle aziende ad alta crescita, che operano spesso nel settore della tecnologia: “Tecnologie rivoluzionarie”
  • Una diminuzione del ritmo di crescita o, addirittura, un ridimensionamento della globalizzazione nel momento in cui i paesi e le aziende rivalutano la desiderabilità di lunghe catene di fornitura internazionali “just-in-time”. La diversificazione e la localizzazione del numero di fornitori, in considerazione dei colli di bottiglia trans-frontalieri che sono emersi, sono approcci destinati ad un’adozione ancora più ampia. Ciò porterà vantaggi alle imprese che hanno necessità crescente di automatizzare e digitalizzare la catena di fornitura: “Tecnologie rivoluzionarie”
  • Per gli investitori, un contesto con minor crescita significa che le imprese ad alto potenziale di crescita rimarranno favorite per un po' di tempo, beneficiando anche di un premio per la scarsità.

Riteniamo che la crisi derivante dal Covid-19 non farà deragliare o arrestare le tendenze che danno corpo alle nostre strategie di investimento

Il grande vincitore tra tutti questi cambiamenti è chiaramente la tendenza verso la digitalizzazione, particolarmente nel settore fintech, nei pagamenti senza contanti, e nella connettività necessaria per agevolare il lavoro da casa. Vi saranno dei vantaggi anche per la sicurezza informatica, la sanità e tutte le forme di commercio elettronico - settori che manifestavano tutti già da tempo una tendenza al rialzo. L'unico sotto-trend che potrebbe essere influenzato negativamente è quello della classe media dei paesi emergenti, visto che la relativa capacità di spesa diminuirà fino a quando l’economia non recupererà pienamente.

I mercati sembrano in gran parte concordare con queste valutazioni, visto che la performance relativa della maggior parte delle nostre strategie basate su trend è stata molto buona, in particolare per quanto riguarda quei settori del mercato azionario influenzati negativamente dal lockdown. Le imprese ad alto potenziale di crescita, che incarnano le nostre tendenze, sono destinate ad essere privilegiate anche quando la crisi scaturita dal Coronavirus sarà finita, rendendole la scelta ideale per gli investitori che guardano lontano.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati
Gli argomenti collegati a questo articolo sono:
Logo

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto