Investimenti e cambiamento climatico

La sfida

Affrontare il cambiamento climatico non è facile. Significa infatti cambiare lo status quo, inventare nuove tecnologie e ridurre le emissioni che sono la causa del riscaldamento globale. In breve, significa lavorare tutti assieme per la stessa causa di importanza vitale.

1025739794.jpg

41%

of investors think Paris target of limiting warming to 2 degrees by 2100 is no longer achievable, up from 30% in 2023. Only 30% think it’s still achievable.

49%

of investors think that collectively, not enough is being done to meet the Paris goals, while 29% expect a disorderly transition. Only 15% expect an orderly move to net zero.

14%

of investors expect to divest from oil and gas companies in the next two years, down from 23% in 2023, while 15% expect to continue to invest if they provide good returns.

Gli investitori devono affrontare una serie di ostacoli per implementare la

Gli investitori devono affrontare una serie di ostacoli per implementare la

Decarbonization

There was however more encouraging news in the 2024 climate survey. Challenges around getting enough reliable data have diminished since 2023, along with challenges over accessing expertise and finding suitable products and strategies.

The number of investors citing a lack of data, reporting and ratings as the main obstacle to implementing decarbonization in investment portfolios has dropped to 42% globally in 2024, down from 52% in 2023 and 61% in 2022.

Concern about greenwashing has, though, remained fairly constant at around one in three of global investors, while a significantly lower 39% complained of a lack of clear reporting standards and disclosures, compared with 46% in 2023.

L'investimento climatico è molto più del prossimo grande trend

Lucian Peppelenbos (Climate Strategist) e Carola van Lamoen (Head of Sustainable Investing) esaminano il cambiamento climatico e gli investimenti climatici da tutti i punti di vista. Ascolta il trailer o il podcast completo di 25 minuti.

Il dilemma dei dati

Limitare il riscaldamento globale significa ridurre le emissioni di gas serra – questo è chiaro. Tuttavia, per gli investitori non è così semplice acquisire i dati necessari per monitorare i livelli di emissioni che causano il riscaldamento globale, in modo da poterne valutare il tasso di riduzione.

Il dilemma dei dati

Decarbonizzare i portafogli di investimento: riserve, considerazioni e sfide

I cambiamenti climatici sono il problema, le emissioni zero l’obiettivo e la decarbonizzazione lo strumento. Ma quali ostacoli ci sono ancora sul percorso? Masja Zandbergen, Responsabile Sustainability Integration di Robeco, spiega le riserve e le sfide che potrebbero ostacolare gli investitori nel loro viaggio verso la decarbonizzazione dei portafogli e la transizione verso il net zero.

Cosa significa esattamente decarbonizzare un portafoglio?

“In poche parole, significa ridurre l’intensità di carbonio presente nel portafoglio, inserendovi società a basse emissioni o seriamente impegnate a limitarle. Così come avviene per la performance finanziaria di un portafoglio, i progressi in questo ambito richiedono continue verifiche rispetto a determinati parametri. In caso contrario, il valore informativo delle emissioni riportate è basso.

A fare da riferimento possono essere il mercato nel suo complesso – per esempio la performance di un indice globale in termini di emissioni – oppure uno standard interno, come la data specifica in cui si misura il progresso del portafoglio su base annua. La quantità di emissioni è irrilevante, quello che conta è iniziare a misurare.”

Non sarebbe più semplice disinvestire dalle società più inquinanti?

“Lo sarebbe se le società pubblicassero dati completi, invece gran parte delle emissioni non viene riportata e l’effettiva performance viene quindi sottovalutata. Al momento, infatti, le rendicontazioni aziendali e le misurazioni degli investitori si basano sui processi di produzione (Scope 1) e sull’energia utilizzata per alimentarli (Scope 2). Ma non indicano le emissioni generate nel resto della catena di fornitura dai consumatori di un determinato prodotto. I produttori di gas e petrolio hanno un’impronta di carbonio elevata in fase di produzione, che però costituisce solo il 20% delle emissioni totali. Il restante 80% è generato quando il petrolio viene bruciato daiconsumatori (Scope 3).”

“E questo non riguarda solo i produttori di gas e petrolio; le emissioni di Scope 3 vengono sottovalutate in tutti i settori economici. Molte aziende alimentari, ad esempio, pur avendo una bassa impronta operativa a monte, in altre parti della catena di fornitura sono responsabili di considerevoli emissioni non contabilizzate, prodotte attraverso deforestazione e fertilizzanti. Dati completi sulle catene di fornitura non sono ancora stati calcolati, resi noti pubblicamente o considerati dalla maggior parte degli investitori (vedi Figura 1).”

Che effetto ha tutto questo sui vostri sforzi di decarbonizzare i portafogli?

“Può portarci a sottovalutare o a sopravvalutare le emissioni di determinate aziende e settori. Paradossalmente, infatti, prendendo in considerazione soltanto dati storici, molti fornitori di soluzioni “green and clean” farebbero registrare emissioni elevate. Ad esempio, gli operatori di turbine eoliche, i fabbricanti di veicoli elettrici e i produttori di idrogeno si servono tutti di tecnologie pulite, ma i loro benefici in termini di riduzione del carbonio dipendono dall’utilizzo che ne fanno i consumatori, a valle della catena di fornitura.

E visto che potrebbero aver bisogno di acciaio per produrre determinati componenti, oppure usare l’energia elettrica proveniente da reti locali ad alta intensità di carbonio, anche le loro emissioni di Scope 1 e 2 rischiano di essere elevate. Di conseguenza, i portafogli non sfruttano appieno il potenziale di decarbonizzazione. Serve un potere predittivo per combattere questo effetto.”

Cosa fa Robeco per risolvere la questione?

“Le nostre più avanzate strategie di decarbonizzazione prendono in considerazione le emissioni Scope 3 mentre, per le altre strategie, stimiamo le emissioni future servendoci di tecniche previsionali esclusive e di modelli di terzi. Per riuscirci, identifichiamo i percorsi di transizione dei vari settori verso il net zero, basandoci sulle tecnologie già a disposizione o disponibili a breve. Oltre alle emissioni di Scope 3, incorporiamo altri tipi di dati prospettici, che ci aiutano a prevedere il grado di preparazione al clima delle aziende e la loro performance aggiustata per il rischio climatico. Quali società hanno un piano strategico che stimola il passaggio a tecnologie e modelli di business a bassa emissione di carbonio?

In che modo dovrebbero beneficiare e approfittare della transizione verso le emissioni zero? Quali sono quelle abbastanza solide finanziariamente per effettuare gli investimenti di capitale necessari alla transizione?”

“L’obiettivo finale è quello di garantire che i portafogli dei clienti siano a prova di clima, riducendone l’esposizione al rischio di carbonio e verificando che siano preparati ad affrontare i cambiamenti climatici. È un compito estremamente complesso, che ci obbliga a considerare molto più della semplice quantità di emissioni che un portafoglio ha saputo ridurre rispetto al benchmark.”

Che differenza c’è tra decarbonizzazione del portafoglio e integrazione ESG?

“L’integrazione dei criteri ESG considera una vasta gamma di fattori di rischio (sociali, economici, di governance e ambientali) ed è in grado di associarli all’analisi finanziaria, con l’obiettivo di valutare attentamente i rischi futuri, misurare la performance finanziaria e giungere a decisioni di investimento più consapevoli.”

“D’altro canto, spesso, si ricorre alla decarbonizzazione sia per ridurre i rischi legati al clima, sia per combattere i cambiamenti climatici. La decisione di un investitore di decarbonizzare il proprio portafoglio non è sempre basata su obiettivi puramente finanziari. Spesso, infatti, nasce dalla volontà di investire in aziende a impatto positivo, ossia quelle che evitano di contribuire ai cambiamenti climatici e al danno ambientale.”

Come si colloca la decarbonizzazione del portafoglio nel più ampio contesto della decarbonizzazione delle economie?

“Per crescere, l’economia ha bisogno di capitali. Di conseguenza, facendo confluire il capitale in aziende impegnate a ridurre le emissioni, sottraendolo alle società più inquinanti, si accelera la transizione verso un’economia globale carbon-free. Detto questo, vendere le obbligazioni di società ad elevate emissioni di carbonio non ha alcun effetto immediato sull’economia reale. Per produrre risultati su scala mondiale, servono grandi pool di investitori che puntino i piedi, rifiutandosi di detenere obbligazioni di aziende altamente inquinanti. È l’unico modo per fare aumentare i loro costi di finanziamento e velocizzare il cambiamento.”

“Ma sono state espresse delle riserve rispetto a questo approccio. Una cosa, infatti, è certa: negando i finanziamenti si danneggiano molte società che puntano alla transizione, ma che hanno bisogno di capitale per portarla a termine. Inoltre, alcune delle aziende più inquinanti dispongono di grande liquidità e non cercano nuovo capitale. In questo caso, il blocco dei finanziamenti serve a poco. Ma anche alle società più ricche sta a cuore la propria reputazione, di conseguenza, escludendole dai propri portafogli, gli investitori manderebbero un segnale forte e chiaro al management.”

Quali altri strumenti hanno a disposizione gli investitori per accelerare la transizione globale?

“Per produrre effetti sul management, gli investitori devono ricorrere anche a strumenti quali il diritto di voto e l’engagement attivo. Visto che le emissioni di carbonio si verificano in tutti i settori delle economie e ci obbligano a cambiamenti strutturali, l’engagement deve avvenire non solo in ambito aziendale ma anche a livello governativo.

Di recente, Robeco ha avviato un programma di engagement con i leader mondiali per spiegare loro gli effetti di eventuali politiche contrastanti in materia di carbonio. È controproducente obbligare alcune industrie a decarbonizzare se si consente ad altre di abbattere le foreste o se si offrono incentivi volti a proteggere le società più inquinanti. I leader mondiali devono capire che le loro politiche in materia di decarbonizzazione incideranno sulla capacità dei rispettivi paesi di attrarre business internazionale, investimenti esteri e finanziamenti sotto forma di titoli di Stato.”

Ulteriori informazioni sugli investimenti climatici