italyit
Anno Domini: le migliori letture del 2019

Anno Domini: le migliori letture del 2019

26-07-2019 | Visione

Quali sono state le storie più lette sul sito di Robeco dall’inizio di quest’anno? Si dice che “le grandi menti pensano allo stesso modo”, e se parliamo di un argomento che ci sta molto a cuore, come l’Investimento Sostenibile, non possiamo non essere d’accordo.

In breve

  • Il nuovo libro Sustainability Inside è la pubblicazione più letta in tema di Investimento Sostenibile
  • Ascolta e impara: l’anno del lancio dei podcast di Robeco 
  • Investimento quantitativo e temi di trends investing tra i nostri primi 12 contenuti 

L’intervista a Amy Domini, superstar dell’Investimento Sostenibile, per la sezione “Great Minds” del Robeco Quarterly è stato uno dei momenti clou di un 2019 ricco di eventi, che ha visto anche il lancio dei podcast per chi preferisce l’ascolto alla lettura.

Il nostro repertorio di contenuti sull’investimento quantitativo si conferma più popolare che mai, mentre i temi sul trends investing riscuotono un favore sempre maggiore e i lettori non rinunciano a tenere d’occhio gli sviluppi sul fronte macroeconomico. Ecco dunque le nostre 12 storie di maggior successo dall’inizio del 2019.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

I fattori alla base dei fattori

Il nostro pezzo forte per quanto riguarda l’Investimento Sostenibile nel 2019 è senz’altro il libro Sustainability Inside. Sposiamo l’Investimento Sostenibile con la massima convinzione; i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) vengono oggi integrati nel processo d’investimento per la maggior parte dei fondi Robeco. Ma perché questo stile ci piace così tanto? Per la prima volta, un libro descrive in dettaglio tutta l’attività di Robeco in questo campo, dall’integrazione dell’analisi ESG all’active ownership alla nostra leadership globale in quest’ambito, sostenuta da un solido impegno alla ricerca.

Ma noi non siamo gli unici pionieri dell’Investimento Sostenibile; una persona che può affermare di aver visto la nascita di questo stile è Amy Domini, un’esperta indiscussa di investimenti di origine statunitense. Amy si occupa di Investimento Sostenibile fin dagli anni ’80 e ha assistito Robeco nel lancio del primo fondo azionario sostenibile nel 1999. Nella nostra esclusiva intervista per la serie “Great Minds”, ‘Usiamo la finanza per rendere il mondo un posto migliore’, Amy ha illustrato i progressi compiuti a suo dire dall’Investimento Sostenibile e i passi che ancora deve fare per diventare mainstream.

Una direzione presa dall’Investimento Sostenibile è quella di perseguire gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. Robeco e RobecoSAM hanno sviluppato un sistema di valutazione proprietario per calcolare il contributo che le aziende possono dare a ognuno dei 17 obiettivi. Siamo poi diventati uno dei primi asset manager a ideare un mezzo per investire negli SDG attraverso fondi azionari e obbligazionari ad hoc. Il nostro video, Come investire negli SDG, spiega come ottenere questo risultato.

Nel frattempo, forse il problema più grande che l’Investimento Sostenibile (e il mondo in generale) deve affrontare è la lotta contro il riscaldamento globale. In un’edizione speciale della sua rubrica scritta in occasione di un nuovo accordo sul clima firmato dal settore finanziario olandese, tra cui Robeco, Masja Zandbergen, Head of Sustainability Integration, ha spiegato come gli investitori stanno ‘affrontando l’emergenza climatica’. Secondo Masja, è positivo che i termini usati siano cambiati e che si parli di “emergenza”, ma i progressi su questo fronte rimangono lenti.

Successo dei podcast

La questione dell’evoluzione dei tempi per il settore dell’asset management è stata trattata in un podcast da Peter Ferket, Chief Investment Officer di Robeco. Abbiamo iniziato a realizzare podcast nel 2019 come mezzo per rivolgerci agli investitori a corto di tempo, che li ascoltano durante i loro spostamenti. Nell’edizione di maggio intitolata ‘Asset management is all about intellectual property’, Ferket frankly discussed the trends facing the business, including the difficult issue of clients demanding lower fees.

And there can be fewer fields demanding a higher intellect than quantitative investing, which uses factors to find anomalies in markets. In the February podcast, Head of Quant Research David Blitz argued that ‘Il factor investing è una soluzione trasparente e non una scatola nera’, poiché gli stili low volatility, value o momentum hanno i loro pro e contro. Tutto dipende da ciò che l’investitore si propone di ottenere, in particolare per quanto riguarda il profilo di rischio/rendimento.

The factors behind factors

Le molteplici sfaccettature di questo approccio sono state ulteriormente discusse da Blitz in ‘The characteristics of factor investing’, un paper in cui spiega che per sfruttare al meglio i diversi fattori è essenziale comprendere il funzionamento di ognuno di essi. Ogni fattore ha caratteristiche di performance diverse; di conseguenza, l’utilizzo di modelli multifattoriali che permettono di combinare i relativi attributi può migliorare la performance dei portafogli.

Sempre con l’obiettivo di spiegare come funzionano i fattori, Blitz si sofferma quindi su quello forse più imperscrutabile: l’effetto della bassa volatilità. La ricerca dimostra che le azioni con una volatilità più contenuta tendono a sovraperformare quelle a più alto rischio, quando sarebbe logicamente vero il contrario. Tuttavia, come affermato da Blitz nella sua analisi ‘l’idea che ciò sia da ricondursi alla predilezione degli investitori per i titoli di alto profilo non è vera. Materiale appassionante!

Ma il factor investing è una realtà duratura o solo l’ennesima moda? In un nuovo e pionieristico studio accademico, gli esperti quantitativi di Robeco Guido Baltussen, Laurens Swinkels e Pim van Vliet sostengono che ‘i fattori sono una caratteristica permanente dei mercati finanziari’. La loro ricerca considera l’evidenza a sostegno dell’esistenza di vari premi fattoriali nell’ambito di molteplici asset class utilizzando dati finanziari storici nuovi e precedentemente inutilizzati.

Salute e benessere tra i trend dominanti

Qualcosa che per definizione è destinato a durare è un trend. Le preferenze dei consumatori vanno e vengono, ma alcune superano la prova del tempo, e investire in quelle giuste è la vera abilità alla base del trends investing. Nella sua sinossi, ‘The key consumer trends of 2019 – health and wellness’, portfolio manager Jack Neele explained why millennials and the new Generation Z care about having a healthy lifestyle, and are willing to pay a premium for it. That provides opportunities for investors. 

Un altro trend caldo del 2019 è quello delle azioni cinesi di classe A, che sono diventate più accessibili agli investitori occidentali, specialmente dopo che MSCI ha deciso di includere i titoli della Cina continentale nei propri indici. Secondo l’analisi di Jie Lu, Head of Research for China di Robeco, ciò ha dato luogo a ‘cinque ragioni per investire in azioni cinese di classe A’ Le azioni di classe A costituiscono il secondo maggior mercato azionario mondiale per dimensioni dopo quello statunitense, anche se permangono alcuni rischi, in particolare per ciò che concerne la sostenibilità.

Infine, nessun elenco di letture sarebbe completo senza un aggiornamento dettagliato dei possibili programmi della Federal Reserve nel corso di quest’anno. In una speciale analisi nata dalla fusione delle nostre solite prospettive mensili con un Credit Quarterly abbiamo avvertito dei probabili effetti a breve termine del ‘rally ‘glicemico’ della Fed’. Jamie Stuttard, co-responsabile del team Global Macro di Robeco, ha spiegato agli investitori che sarebbe più facile mantenere una posizione lunga sui Treasury a 2 anni che sulle obbligazioni corporate.

Per ulteriori contenuti visita www.robeco.com/it. Vi auguriamo una piacevole lettura per il resto del 2019!

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto