italyit
Quantitative Easing

Quantitative Easing

10-06-2019 | Visione
Le aspettative sui tassi di riferimento delle banche centrali sono diminuite notevolmente in seguito alla persistente debolezza delle condizioni economiche mondiali e alla rottura dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina. Il mercato prevede adesso che le banche centrali adotteranno politiche più accomodanti. Noi crediamo che queste attese non saranno deluse.
  • Rikkert  Scholten
    Rikkert
    Scholten
    Portfolio Manager
  • Bob Stoutjesdijk
    Bob
    Stoutjesdijk
    Analyst
  • Martin van Vliet
    Martin
    van Vliet
    Analyst

In breve

  • La Fed attua una svolta
  • (Ancora) nessuna decisione finale della BCE
  • Espansione monetaria in Cina

La Reserve Bank of Australia e la Reserve Bank of New Zealand hanno già tagliato i tassi, e ci aspettiamo che la Fed segua presto le loro orme. Se le banche centrali non prestano ascolto, il mercato le costringerà probabilmente ad agire.

Dopo l’inversione di rotta sull’atteso rialzo dei tassi in Europa e negli ultimi mesi in Giappone, gli Stati Uniti e l’area del dollaro sono essenzialmente gli unici mercati dei titoli di Stato dei paesi sviluppati che offrono ancora rendimenti positivi. Ciò crea un contesto in cui un aumento dei rendimenti delle emissioni sovrane sarà visto probabilmente come un’opportunità d’acquisto, il che ci rende ottimisti sulla duration.

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

La Fed ha ancora l’opportunità di non restare dietro alla curva

La Fed ha due scelte: ridurre i tassi subito per soddisfare le attese (con un taglio di 50 pb in un’unica soluzione o due tagli da 25 pb a giugno e a luglio) oppure aspettare e rischiare un inasprimento delle condizioni finanziarie con una correzione degli asset rischiosi. L’attuale Fed appare meno in sintonia con i mercati rispetto ai suoi precessori, per cui c’è il rischio che possa restare “dietro la curva”. Questo, tuttavia, non è il nostro scenario di riferimento. Noi crediamo che la Fed abbia tratto le dovute conseguenze dall’episodio di dicembre e che abbasserà i tassi senza esitare. In caso contrario, dovrà probabilmente ridurli di più in seguito.

Per la BCE un ulteriore allentamento dipende dalle condizioni economiche

Nel corso dell’ultima riunione il presidente della BCE Mario Draghi ha inviato un messaggio dai toni accomodanti, che però non ha soddisfatto pienamente le attese degli investitori.

Dopo la conferenza i mercati hanno scontato di circa 3 pb i tassi. A nostro parere ha senso che i mercati continuino a scontare una riduzione di tassi di 10 pb con una probabilità di almeno il 50% entro fine anno. Crediamo che l’ostacolo a una riduzione dei tassi sia inferiore rispetto ad una ripresa del QE, il che diventerebbe ancora più probabile nel caso di una recessione generalizzata. A nostro avviso un taglio dei tassi sarebbe verosimilmente accompagnato da misure volte a mitigare gli effetti collaterali dei tassi d’interesse negativi sul sistema bancario, come un sistema di tassi a scaglioni sulle riserve in deposito presso la BCE.

Un ulteriore allentamento di ampia portata potrebbe essere imminente in Cina

L’espansione monetaria attuata in Cina dall’inizio dell’anno sembra essere stata essenzialmente mirata ad allentare le condizioni finanziarie per le imprese private e le piccole aziende. Mentre i mercati scontano condizioni pressoché invariate sul mercato dei pronti contro termine interbancari nel corso del prossimo anno, noi crediamo che i rischi siano orientati al ribasso. In questo contesto rimaniamo posizionati in vista di un ulteriore indebolimento del CNY, che, nonostante il recente ampliamento dei differenziali di interesse, si è mantenuto intorno a quota 6,90 sull’USD.

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto