italyit
La nuova Lunga Marcia della Cina

La nuova Lunga Marcia della Cina

07-06-2019 | Previsioni mensili

I tentativi della Cina di combattere una guerra commerciale con gli Stati Uniti comportano una sfida in crescita per gli asset dei mercati emergenti, sostiene lo strategist Peter van der Welle.

  • Peter van der Welle
    Peter
    van der Welle
    Strategist

In breve

  • La Cina sta affilando le armi per una lunga contesa con gli Stati Uniti
  • Le misure di ritorsione, tra cui la svalutazione dello yuan, potrebbero rivelarsi controproducenti 
  • Il portafoglio multi-asset ha adesso un sottopeso sulle azioni emergenti

Il presidente Xi Jinping ha paragonato la sfida cinese di superare le ostilità all’estero ad una “nuova Lunga Marcia”, richiamandosi all’epica ritirata dell’Armata Rossa che nel 1934-35 percorse 9000 km nell’arco di un anno per sottrarsi all’accerchiamento delle forze Nazionaliste. Quell’episodio segnò l’ascesa di Mao Tse-tung e la nascita della nazione comunista.

Le dichiarazioni del leader cinese fanno seguito alla recente escalation della guerra commerciale voluta dal presidente Trump, che ha innalzato i dazi su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi e ha minacciato di introdurne uno del 25% su altri 300 miliardi di dollari di prodotti, infrangendo le speranze di un accordo commerciale a maggio. La guerra dei dazi è particolarmente problematica per le azioni dei mercati emergenti, ragion per cui Robeco Investment Solutions ha deciso di sottopesare l’asset class nel suo portafoglio multi-asset.

Il FMI stima che una guerra commerciale in piena regola potrebbe erodere lo 0,5% dalla crescita economica statunitense e l’1,5% da quella cinese. Vista la correzione del 13% registrata dalle azioni cinesi a maggio, gli investitori scontano chiaramente la possibilità di tensioni commerciali prolungate, afferma Van der Welle. 

“Secondo Xi, la Cina ha intrapreso una ‘nuova Lunga Marcia’ per superare grandi difficoltà all’estero”, dice lo strategist di Robeco. “L’analogia della Lunga Marcia ci sembra calzante. Ci vorranno ancora decenni per superare gli Stati Uniti in termini di PIL pro capite, ma le dimensioni della Cina quanto a popolazione e gli obiettivi ambiziosi fissati dal Partito Comunista hanno già messo il paese nella posizione di sfidante.”

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Un avvertimento a Trump

“La svolta può essere letta anche come un avvertimento a Trump che le guerre commerciali non sono ‘facili da vincere’, specialmente prima delle elezioni presidenziali statunitensi del novembre 2020, dato che la Cina si prepara a una lunga battaglia. Il tempo potrebbe essere dalla parte di Xi, ma l’uso di questa analogia gli permette anche di spiegare meglio ai cittadini cinesi un eventuale compromesso a breve termine sul commercio, presentandolo come una ritirata ‘tattica’ in un più ampio contesto di conflitto geopolitico a lungo termine.”

“Il maggior incentivo per il governo cinese a cercare un compromesso di qualsiasi tipo sul commercio è l’aumento della disoccupazione e il conseguente malcontento tra i lavoratori cinesi. Con l’indice PMI manifatturiero cinese che a maggio è sceso sui minimi dal marzo 2009 (47,0), è evidente che le misure di stimolo monetario e fiscale adottate in passato dalle autorità cinesi non sono state sufficienti a mitigare l’impatto dei dazi statunitensi su un’economia che si stava già raffreddando.”

“La prima linea di difesa è rappresentata da un ulteriore stimolo monetario e fiscale, ma un calo persistente del numero di occupati potrebbe suscitare sufficiente timore di disordini sociali da indurre i leader cinesi ad accettare in definitiva un compromesso sul commercio.” 

Strumenti di ritorsione

Van der Welle afferma che la Cina ha tre armi di ritorsione a sua disposizione: limitare le esportazioni di metalli rari su cui gli Stati Uniti fanno affidamento, vendere 1,2 trilioni di dollari del fondo per la guerra di Treasury USA e svalutare la moneta nazionale. Le prime due opzioni sono improbabili, sostiene, perché sarebbero autolesionistiche, ma “la minaccia più potente dalla parte cinese rimane una svalutazione dello yuan.”

“Una valuta indebolita potrebbe mitigare l’impatto di nuovi dazi sui rimanenti 325 miliardi di dollari di esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti. Tuttavia, l’insegnamento appreso dalla svalutazione dello yuan nel settembre 2015 è che può dimostrarsi controproducente a causa dell’impennata della volatilità e del peggioramento delle condizioni finanziarie sui mercati cinesi.”

“In definitiva, a fronte di un beneficio immediato, una forte svalutazione dello yuan avrebbe costi significativi su un orizzonte più lungo, in quanto comprometterebbe il programma della Cina di aprire gradualmente i suoi mercati dei capitali agli investitori esteri. È una coincidenza che in un momento in cui aumenta il rischio di un indebolimento manovrato della valuta cinese come strumento di ritorsione, il Tesoro statunitense pubblica un rapporto in cui inasprisce i criteri che definiscono la manipolazione dei tassi di cambio? Probabilmente no.”

“Consapevole delle controindicazioni di una ritorsione, Xi Jinping sta mirando adesso a una ‘nuova Lunga Marcia’. All’apparenza tutto questo sembra rassicurante, al pari della sua volontà di cercare un compromesso durante il vertice del G20 del 28 giugno a Osaka e dei suoi tentativi di rimediare alla recente incrinatura della grande liberalizzazione postbellica del commercio internazionale. Ma non possiamo darlo per scontato; i sistemi di difesa cinese faranno uso di software statunitense in futuro (e viceversa)? Il leader cinese potrebbe in effetti avere in mente una nuova Lunga Marcia in patria, non all’estero. Il protezionismo durerà a lungo.” 

Ricadute negative sui mercati emergenti

Nulla di tutto questo è di buon auspicio per gli asset dei mercati emergenti, osserva Van der Welle. “Purtroppo la recente escalation delle tensioni commerciali Cina-USA e l’apertura di nuovi fronti da parte dell’amministrazione Trump creano ulteriori rischi al ribasso, soprattutto per i paesi più orientati alle esportazioni che beneficiano del commercio globale”, avverte. 

“In risposta al flusso di brutte notizie sul commercio, la dinamica dei corsi azionari dei mercati emergenti è peggiorata rispetto agli omologhi dei mercati sviluppati. Ciò è comprensibile, perché quando il protezionismo aumenta i volumi del commercio mondiale diminuiscono e la crescita degli utili dei mercati emergenti non riesce a tenere il passo.” 

“Migliorare l’andamento della produttività aziendale imitando gli standard tecnologici occidentali diventerà più difficile se si innalzano barriere commerciali. In un mondo caratterizzato dal protezionismo le economie emergenti dovranno combattere la battaglia in salita di espandere da sole la frontiera del progresso tecnologico.”

“Inoltre, il recente calo dei prezzi del petrolio, che riflette l’indebolimento della domanda mondiale, non aiuta la ripresa degli utili delle economie emergenti nel breve termine. Dato che lo sconto valutativo delle azioni emergenti rispetto a quelle dei mercati sviluppati non è particolarmente interessante in confronto alla media storica, siamo diventati più prudenti sull’esposizione ai mercati emergenti e abbiamo ridotto il nostro posizionamento sull’azionario emergente da neutrale a un modesto sottopeso.” 

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto