italyit
Il grande mito dei rendimenti obbligazionari al 3%

Il grande mito dei rendimenti obbligazionari al 3%

08-05-2018 | Previsioni mensili

Secondo Lukas Daalder, gli investitori si stanno concentrando sul 3% sbagliato se pensano che i rendimenti dei titoli di stato USA possano portare al calo delle azioni.

  • Lukas Daalder
    Lukas
    Daalder
    Former CIO Robeco Investment Solutions. Daalder left Robeco in July 2018.

In breve

  • I rendimenti dei Treasury decennali hanno superano il 3% precedentemente
  • L'attenzione è rivolta alla parte sbagliata del mercato obbligazionario
  • La copertura tra USD ed EUR ha raggiunto un livello record del 3%

In aprile i rendimenti dei Treasury decennali di riferimento hanno superato il 3% per la prima volta dal 2014, portando molti a credere che il rally dei mercati azionari potrebbe giungere al termine. Questo per la teoria secondo cui gli investitori tendono a cedere i titoli azionari più rischiosi e ad approfittare dei maggiori rendimenti dei titoli di stato USA, percepiti come ultra sicuri.

Tuttavia, gli investitori farebbero meglio a osservare il differenziale dei tassi di interesse a breve termine e il rischio di cambio tra USA e Germania, il cui valore è anche pari al 3% e rappresenta un migliore indicatore del livello reale dei rendimenti risk-adjusted, afferma Daalder, Chief Investment Officer di Robeco Investment Solutions.

“Questo mese sui mercati finanziari non si è parlato di Trump, di Corea, di guerre commerciali e nemmeno di utili del primo trimestre, ma dei rendimenti dei Treasury decennali al 3%,” sostiene Daalder. “E non appena i rendimenti obbligazionari hanno superato la mitica soglia del 3%, le azioni USA hanno iniziato a perdere terreno, finendo col cedere l’1,7% rispetto al picco intraday del primo giorno.”

“Questo ha contribuito a rafforzare l’opinione secondo cui i rendimenti obbligazionari sono un indicatore da tenere monitorato e da cui dipende il destino dell’andamento azionario. Secondo alcuni, il 3% è il limite oltre il quale le azioni non sarebbero più in grado di sostenere le valutazioni correnti.”

Scopri gli ultimi approfondimenti
Scopri gli ultimi approfondimenti
Abbonati

Il mito del 3%

“Ma il 3% è davvero così importante come molti affermano? Se ci limitiamo a una valutazione storica, dovremmo rispondere soprattutto di no. Dal 1990 i Treasury americani hanno superato il livello del 3% soltanto in quattro occasioni, con le azioni in aumento in media del 6% nei due mesi successivi.”

“Un altro modo per valutare la questione è osservare il livello dei rendimenti dei Treasury nel momento in cui il rally dei mercati azionari si è fermato. Nel periodo 1998-2000, i rendimenti decennali dei titoli di stato USA sono passati da circa il 4% a un massimo del 6% prima che i titoli azionari invertissero la rotta. Nel 2008, quando il mercato azionario è entrato in fase di forte correzione i rendimenti si erano mossi in un range del 4,5-5%. A quei tempi, il 3% era considerato un livello incredibilmente basso e non certo un ostacolo per le azioni.”

All’epoca era normale che i rendimenti dei titoli di stato superassero il 3%. Fonte: Bloomberg & Robeco

Secondo Daalder, un altra leggenda è che l’inflazione spinge i rendimenti nominali più in alto. “Chi lo sostiene sbaglia: in entrambi i casi precedenti, infatti, l’inflazione core oscillava in un range del 2-2,5%, mentre oggi l’inflazione core è al 2,1%,” continua. “Il mercato azionario USA - e l’economia statunitense nel suo complesso - ha continuato a registrare solide performance, con un tasso reale (tasso nominale al netto dell’inflazione core) superiore al 4% nel 2000 e superiore al 2% nel 2008; oggi il tasso reale rimane inferiore all’1%.”

“Sulla base di quanto appena esposto, è chiaro che non esistono livelli predefiniti a cui i rendimenti obbligazionari iniziano a penalizzare le azioni. Il 3% è solo un numero e non rappresenta una particolare minaccia per i mercati azionari.”

Il focus è sulla parte sbagliata del mercato

Ma allora gli investitori dovrebbero ignorare del tutto questo mito? “Certo che no, ma riteniamo che ci si stia concentrando sulla parte sbagliata del mercato obbligazionario,” spiega Daalder. “Mentre tutti sembrano interessarsi soprattutto al livello assoluto dei rendimenti dei Treasury decennali (il famoso 3%), l’evoluzione più importante è stata quella del differenziale dei tassi di interesse a breve termine che, anche nel caso del rapporto tra USA e Germania, si avvicina proprio al 3%.”

“Questo valore è importante perché si tratta della parte della curva dei rendimenti che determina i costi/benefici associati alla copertura del rischio di cambio. Paragoniamo i Bund tedeschi, con il rendimento attuale pari allo 0,6%, ai Treasury americani, con rendimento al 3,0%. Al valore nominale, il mercato USA sembra più interessante e offre rendimenti decisamente più elevati.”

“Tuttavia, il problema è che molti investitori obbligazionari non sono disposti ad accettare il rischio di cambio associato agli asset stranieri e preferiscono coprire l’esposizione valutaria, ricorrendo solitamente a soluzioni come i contratti FX a un anno. A questo punto scende in campo il differenziale dei tassi di interesse a breve termine: due anni fa il differenziale era quasi a zero in tutto il mondo sviluppato, ma da allora le cose sono molto cambiate.

Anche il rischio di cambio è vicino al 3%

“Negli USA, la Federal Reserve ha fortemente alzato i tassi di interesse a breve termine, mentre nell’Eurozona il programma di acquisto di obbligazioni da parte della BCE ha spinto i rendimenti a breve termine in territorio negativo, portando di fatto il differenziale dei tassi di interesse ai massimi degli ultimi trent’anni. A un investitore europeo coprire il rischio di cambio è aumentato a quasi il 3% su base annua.”

“Di conseguenza, acquistare Treasury americani coprendo il rischio di cambio genera un rendimento iniziale dello 0%. Considerato che la curva dei rendimenti statunitensi è piatta, al momento non si tratta di un affare particolarmente interessante. Per un investitore USA vale invece il contrario: attualmente coprire i rendimenti FX europei genera un premium del 3% su base annua. Acquistare Bund tedeschi (o, ancora meglio BTP italiani) e coprire i FX offre un rendimento iniziale del 3,6% e anche una curva dei rendimenti decisamente più inclinata.”

“Tutto considerato, abbiamo l’impressione che sul mercato obbligazionario ci si stia concentrando sul 3% sbagliato: non dovrebbe essere il 3% dei rendimenti dei Treasury a dominare la scena, ma piuttosto il 3% della copertura valutaria del rapporto costo/premio, che inizia ad avere serie conseguenze per lo sviluppo dei mercati finanziari.”

Gli argomenti collegati a questo articolo sono:

Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Rifiuto