Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Confermo che sono un cliente professionale:
Rifiuto
Harvesting the value premium

Harvesting the value premium

11-01-2017 | From the field

This paper* compares classic and new smart-beta indices that are designed to capture the value premium. Classic value indices segment the market into value and growth stocks, and then apply capitalization weighting to the value segment of the market.

  • David Blitz
    David
    Blitz
    PhD, Executive Director, Head of Quant Selection Research

The study observes that the first such indices were already introduced around twenty years ago, but have since failed to outperform the market in the US. Fundamentally weighted indices, on the other hand, have succeeded in capturing the value premium. The author attributes this to the use of a more effective rebalancing mechanism. We wonder if this may also be related to the strong dependence of capitalization-weighted indices on the performance of just a few of the very largest stocks. Publicly available data for value strategies provided by Professor Kenneth French shows that cap-weighted value strategies have failed to outperform the large-cap segment of the US market. However, this same data also demonstrates that, when not inhibited by cap-weighting restrictions, on average, value stocks have outperformed growth stocks by a solid margin.

*Hsu, “Value Investing: Smart Beta versus Style Indices”, Journal of Index Investing, 5 (2014), pp. 121-126.

Tieniti aggiornato sull'universo quantitativo
Tieniti aggiornato sull'universo quantitativo
Abbonati
From the field
From the field

I nostri ricercatori pubblicano numerosi whitepaper basati sui propri studi empirici, oltre a seguire le ricerche quantitative effettuate da altri. David Blitz, Responsabile Quant Equities Research, commenta alcuni interessanti paper esterni.

Leggi tutti gli articoli
Gli argomenti collegati a questo articolo sono: