Disclaimer

Confermo di essere un cliente professionale

Le informazioni e le opinioni contenute in questa sezione del Sito cui sta accedendo sono destinate esclusivamente a Clienti Professionali come definiti dal Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 (articolo 26 e Allegato 3) e dalla Direttiva CE n. 2004/39 (Allegato II), e sono concepite ad uso esclusivo di tali categorie di soggetti. Ne è vietata la divulgazione, anche solo parziale.

Al fine di accedere a tale sezione riservata, si prega di confermare di essere un  Cliente Professionale, declinando Robeco qualsivoglia responsabilità in caso di accesso effettuato da una persona che non sia un cliente professionale.

In ogni caso, le informazioni e le opinioni ivi contenute non costituiscono un'offerta o una sollecitazione all'investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un'offerta, finalizzate all'investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.

Prima di  ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare il Prospetto, i KIIDs delle classi autorizzate per la commercializzazione in Italia, la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili sul presente Sito o presso i collocatori.
L’investimento in prodotti finanziari è soggetto a fluttuazioni, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi, ed è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Confermo che sono un cliente professionale:
Rifiuto
Moving to underweight in European equities post-Brexit

Moving to underweight in European equities post-Brexit

14-09-2016 | Visione
Brexit, Brexit, Brexit. Like many, we had hoped that the word would soon fall out of fashion, following a (predictable?) victory by the Bremain camp, but we turned out to be wrong.
  • Lukas Daalder
    Lukas
    Daalder
    Chief Investment Officer

Brexit rules the world

The Brexiteers came, won… and then fled the scene, leaving us with a prolonged period in which Brexit will continue to take center stage. Financial markets were caught completely off guard, resulting in huge swings in the days following the 23 June referendum. Risky assets (European equities) and European currencies (sterling) suffered, while government bonds once again acted as the safe haven, driving yields to new all-time lows almost uniformly across the globe.

June returns: not half as bad as one might think. Source: Robeco

As sharp as the sell-off was, as surprising was the rebound that followed, with global equities almost erasing all losses within two weeks. We think that this rebound is a too-optimistic interpretation, which is why we have now moved to an underweight in (European) equities. On balance we managed to get through the whole ordeal unscratched, as we decided to put up a short hedge against the British pound just prior to the outcome.

Economy plays second fiddle

The economy played second fiddle this month. The US economy showed signs of recovery, following the weak first quarter. Europe, on the other hand, weakened ahead of the UK referendum and will remain weak, thanks to the Brexit outcome. As said, the dominating theme was neither the economy, nor company earnings, but politics. UK politics no less...